Il sistema di crescita di reti c…

Dal metabolismo dei batte…

Identificato il gene della sordi…

[caption id="attachment_6…

Ossigeno inibisce la capacità ri…

Il gas presente nell’aria…

Sintetizzata in laboratorio la H…

Ricercatori dell'Universi…

Occhio bionico: impiantato con s…

Un passo importante per l…

[FOFI] I decreti ci sono, ora ap…

Con la pubblicazione in G…

Cannabis e terapia del dolore: …

All’interno del convegno …

A Cagliari i massimi esperti del…

Fino al 14 ottobre verran…

Spiegata correlazione tra emicra…

[caption id="attachment_5…

Teva annuncia nuovi dati sui pro…

Un congresso sulla ricerc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Farmaci per l’ipertensione riducono la progressione dell’Alzheimer

Dei comuni farmaci utilizzati per controllare la pressione del sangue sono stati scoperti essere efficaci nel ridurre la frequenza e la progressioni dei disturbi legati alla demenza e malattie come l’Alzheimer.

Sono i farmaci inibitori dei recettori dell’angiotensina (ARB) che, secondo i ricercatori della Boston University School of Medicine (BUSM) avrebbero queste potenzialità. E, per arrivare alle loro conclusioni hanno analizzato i dati provenienti da un ricco database di proprietà del Dipartimento di Salute US detto DVAHS.

I dati osservati riguardavano persone che assumevano i farmaci ARB e sono stati confrontati con soggetti con un analogo stato di salute che, tuttavia, assumevano farmaci diversi.
I risultati ottenuti sono stati sorprendenti: nei soggetti che curavano l’ipertensione con i farmaci ARB il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer o la demenza era ridotto del 50%, mentre coloro che assumevano sia i farmaci ARB che i farmaci ACE (convertitori dell’enzima angiotensina) si mostrava una riduzione del rischio del 55%.
Un’ulteriore valore aggiunto è stato scoprire che tra le persone già sofferenti di demenza o Alzheimer, l’assunzione di questi farmaci ha ridotto del 67% la probabilità di essere ricoverati in casa di cura o morire.

Il dr. Benjamin Wolozin, coordinatore dello studio e professore di farmacologia, ha dichiarato che i dati suggeriscono chiaramente che i farmaci ARB proteggono dallo sviluppo e progressione di Alzheimer e demenza.
Lo studio è stato pubblicato sul numero di gennaio del “British Medical Journal”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!