A Bolzano nasce hearLIFE Clinic,…

Inaugurata il 29 settembr…

Malattie cardiache: calcificazio…

Alti livelli di fosforo n…

Papillomavirus: in arrivo nuovo…

Sono almeno nove i sottot…

Farmaci per l'ipertensione riduc…

[caption id="attachme…

Ernia al disco: il migliore dei …

Nel trattamento dell'ern…

La musica del cuore che fa bene …

Una ricerca dell'Univ…

Epatite A: vaccino su infanti co…

La vaccinazione contro il…

Epatite B: verso una terapia gen…

[caption id="attachment_6…

Ictus: staminali estratte dalla …

SYDNEY, 8 DIC - I cervell…

HIV: terapia genica che imita i …

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Farmaci per l’ipertensione riducono la progressione dell’Alzheimer

Dei comuni farmaci utilizzati per controllare la pressione del sangue sono stati scoperti essere efficaci nel ridurre la frequenza e la progressioni dei disturbi legati alla demenza e malattie come l’Alzheimer.

Sono i farmaci inibitori dei recettori dell’angiotensina (ARB) che, secondo i ricercatori della Boston University School of Medicine (BUSM) avrebbero queste potenzialità. E, per arrivare alle loro conclusioni hanno analizzato i dati provenienti da un ricco database di proprietà del Dipartimento di Salute US detto DVAHS.

I dati osservati riguardavano persone che assumevano i farmaci ARB e sono stati confrontati con soggetti con un analogo stato di salute che, tuttavia, assumevano farmaci diversi.
I risultati ottenuti sono stati sorprendenti: nei soggetti che curavano l’ipertensione con i farmaci ARB il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer o la demenza era ridotto del 50%, mentre coloro che assumevano sia i farmaci ARB che i farmaci ACE (convertitori dell’enzima angiotensina) si mostrava una riduzione del rischio del 55%.
Un’ulteriore valore aggiunto è stato scoprire che tra le persone già sofferenti di demenza o Alzheimer, l’assunzione di questi farmaci ha ridotto del 67% la probabilità di essere ricoverati in casa di cura o morire.

Il dr. Benjamin Wolozin, coordinatore dello studio e professore di farmacologia, ha dichiarato che i dati suggeriscono chiaramente che i farmaci ARB proteggono dallo sviluppo e progressione di Alzheimer e demenza.
Lo studio è stato pubblicato sul numero di gennaio del “British Medical Journal”.

1 comment

  1. Pingback: Un test ottico prevede l'Alzheimer | speciale in Liquida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: