La memoria delle cellule del sis…

Anche le cellule del sist…

HIV: lo studio completo della "n…

Ricostruita in dettaglio …

Alzheimer e infarto in comune po…

[caption id="attachment_1…

Teva: 6 siti produttivi e progra…

“The Italian-Israeli Bu…

Glaucoma: pressione oculare moni…

Un gruppo di scienziati d…

Cancro: nuove varianti genetiche…

Una maxi ricerca intern…

Il meccanismo della molecola ant…

[caption id="attachment_8…

Sclerosi multipla: il gene che c…

Dietro alla patologia e i…

Glioblastoma: una esaustiva rice…

La maggior parte delle ri…

Sindrome di Rett: individuato nu…

Identificato un marker p…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro all’esofago: messi in dubbio dozzine di studi per sperimentazioni di tipo sbagliato

Dozzine di studi relativi al cancro all’esofago potrebbero essere messi in dubbio a seguito della scoperta che sarebbero state inavvertitamente utilizzate per le sperimentazioni delle linee cellulari del tipo sbagliato. La notizia, rilanciata da Bbc News, e’ pubblicata sul britannico Journal of the National Cancer Institute. Le linee cellulari utilizzate, secondo la rivista scientifica, erano state infatti fornite quali campioni da tessuti di tumori esofagei. Al contrario, vari test hanno dimostrato che esse contenevano cellule anche di altri tipi di tumore, come quelli al polmone o all’intestino. E questo, avvertono gli esperti, potrebbe mettere in dubbio i risultati relativi alla sperimentazione di vari farmaci per il cancro esofageo.

”I risultati sperimentali basati su queste linee cellulari contaminate – scrivono sulla rivista i ricercatori dello University Medical Centre di Rotterdam – hanno portato a sperimentazioni cliniche in corso su pazienti e ad oltre cento pubblicazioni”. L’uso diffuso di tali linee cellulari, avvertono, potrebbe ora minacciare lo sviluppo di nuovi trattamenti. In particolare, affermano gli esperti, l’uso della molecola sorafenib per alcuni pazienti affetti da cancro esofageo ”andrebbe riconsiderato”, dal momento che una linea cellulare sbagliata e’ stata utilizzata per valutarne la potenziale efficacia.


Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!