Tumori: provocati uno su 40 da e…

In almeno un caso su 40 i…

Le sigarette veicolano ceppi bat…

Le sigarette sono "ampiam…

Tumore ovarico, i poteri di miR-…

Nei casi di tumore ovaric…

Lipoproteina: si aggiunge alla l…

[caption id="attachment_6…

Trapianto di polmone da donatore…

Primo trapianto in Italia…

Il melanoma diagnosticato con un…

[caption id="attachment_9…

L'Alzheimer, si "tramanda" da ne…

Le proteine 'tossiche' al…

Visite ai malati non-stop e repa…

  Oltre a curare al megli…

Un gene alla regia del vivere sa…

[caption id="attachment_5…

Le lesioni parziali del midollo:…

Imparare a controllare i …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La psoriasi non e’ solo una patologia della pelle

Emergono aspetti che non circoscrivono la patologia cutanea alla sola pelle, ma va a toccare anche problemi quali malattie cardiovascolari e artrite.La psoriasi, quella condizione patologica della pelle che si presenta con macchie rossastre e squame, a volte anche sanguinanti pare non destinata a essere unicamente un problema “esteriore”.

Secondo i ricercatori della Mayo Clinic (Usa) infatti la psoriasi sarebbe collegata anche a malattie cardiovascolari e artrite.

I sintomi della psoriasi, ricordano i ricercatori, possono essere la risposta a diversi tipi di causa tra cui lo stress, le infezioni, la reazione ad alcuni farmaci, l’alcol, il fumo, irritazioni della pelle e scottature. È definita una malattia sistemica e i medici stanno scoprendo che è più che una “semplice” malattia cutanea.

Difatti, secondo lo studio, una persona su quattro affetta da psoriasi sviluppa una forma di artrite che può causare rigidità, dolore e gonfiore delle articolazioni. Questa condizione è detta artrite psoriasica.
Le stesse persone sono state scoperte essere più a rischio ictus, infarto e altri problemi legati all’apparato cardiocircolatorio. Il collegamento con queste patologie può essere l’infiammazione cronica che sottende alla psoriasi.
Essendo a conoscenza di questo problema, i ricercatori suggeriscono che sia utile prevedere trattamenti che prevengano i disturbi collegati alla patologia per evitare conseguenze più gravi.
Tra i vari rimedi c’è la vitamina D che aiuta a ridurre l’infiammazione, il prurito e promuove la salute della pelle. Anche la luce ultravioletta può essere un aiuto nel rallentare l’eccessiva crescita delle cellule epiteliali.

Source: lo studio è stato pubblicato sull’ultimo numero del “Mayo Clinic Women HealthSource”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!