Dal 9 all'11 giugno tutti in cam…

Sport, corretto approccio…

L'aquipe del Professor De Lisa c…

Ospedale Santissima Tri…

YAP, “Young Against Pain”: premi…

Roma, 26 Marzo 2015 – Son…

La tela del ragno e i segreti in…

La capacità di resistere …

Aggiornamento dei foglietti illu…

Roma, 7 maggio 2014 - “E’…

Cinque grammi di sale al giorno …

Troppo sale nei piatt…

Osteoporosi: TAC addominale potr…

La Tac addominale ch…

Schizofrenia e collegamento con …

Un gruppo di scienziati d…

Colla delle cozze: allo studio, …

Il segreto del formidabil…

Vaccini: è italiana la scoperta …

Una proteina 'chimerica',…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Osteoporosi: due nuovi marker per individuare la patologia

vanilloid receptor

Roma, 26 gen – Si chiamano ‘cannabinoidi’ e ‘vanilloidi’ e saranno i nuovi bersagli da colpire per sconfiggere l’osteoporosi. Questi due nuovi marker sono, infatti, coinvolti direttamente nello sviluppo della malattia e saranno fondamentali per sviluppare farmaci capaci contemporaneamente di incrementare la densita’ della massa ossea riducendo il rischio di fratture, e di controllare il dolore. La scoperta, pubblicata a livello internazionale sulla rivista Bone, ha portato la ricercatrice Francesca Rossi – una laurea in Medicina e Chirurgia e un dottorato di Ricerca in Scienze farmacologiche e medicina clinica e sperimentale alla II Universita’ degli Studi di Napoli – a vincere il premio Isa Coghi istituito dall’Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna (O.N.Da) e Amgen Dompe’.

La ricercatrice ora punta a confermare e validare il ruolo di questi nuovi markers per arrivare all’elaborazione di protocolli terapeutici e alla sperimentazione di nuove molecole in grado di operare su questi sistemi. Per questi motivi il Comitato di O.N.Da (composto da Gilberto Corbellini, Adriana Albini e Maria Luisa Brandi) ha deciso di assegnare il premio Isa Coghi a Francesca Rossi e al suo lavoro intitolato ”Osteoporosi e sistema cannabinoide/vanilloide: nuovi markers di malattia e nuovi target terapeutici”. Il riconoscimento – che ammonta a 15mila euro e verra’ versato alla struttura universitaria in cui lavora la premiata – verra’ assegnato nel corso di una cerimonia che si terra’ oggi pomeriggio nella sede del Senato a Palazzo Giustiniani.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!