Non solo più botox e filler: sar…

Non piu' solo botox e fil…

Trapianto capelli: nuova tecnica…

Nuove frontiere per comba…

Giuseppe Mele, presidente della …

I genitori di oggi guarda…

Virus influenzali: il cane potre…

Il migliore amico dell'uo…

Ricercatori fanno luce sulle imp…

[caption id="attachment_7…

Linfociti esausti tengono a bada…

Due distinti sottoinsiemi…

L’FDA approva un nuovo farmaco b…

La Food and Drug Administ…

Artrite reumatoide: per 9 person…

Per il 93% dei pazienti c…

Sindrome da delezione cromosoma …

C'e' una predominanza…

Malaria: isolata la proteina chi…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sensore intelligente: 5 secondi per monitorare glicemia da respiro e saliva

MILANO – È piccolo, istantaneo, preciso ed economico. Si basa sulla stessa tecnologia utilizzata per alcune componenti dei cellulari, ma può essere sfruttato per tenere sotto controllo diversi parametri medici. Dal livello di glucosio per i malati di diabete a quelli del pH (acidità) per chi soffre di asma. È in grado anche di diagnosticare con precisione la presenza di un tumore al seno, a partire da un’analisi della saliva.

GLICEMIA IN TEMPO REALE – Il micro-sensore è stato realizzato in 15 diverse versioni dagli ingegneri medici dell’Università della Florida. Grazie agli innovativi materiali utilizzati, è in grado di amplificare e rilevare all’istante il livello di glucosio presente nel respiro. In futuro, chi soffre di diabete non dovrà più ricorrere ai kit pungidito di autocontrollo.

«Invece di prendere il sangue dal dito, basta soffiare sopra al sensore per misurare il livello di glucosio condensato nel respiro», spiega Fan Ren, a capo del team di ricerca. I dati possono poi essere inviati in modalità wireless al proprio medico, che potrà così disporre di un quadro aggiornato in tempo reale sul proprio paziente diabetico.

ALTRE APPLICAZIONI – In un’altra versione, il sensore si è dimostrato in grado di rilevare con precisione il livello di pH nel respiro. Ma c’è di più: a partire dall’analisi della saliva, un’altra variante del sensore riesce anche a svolgere diagnosi più sofisticate, come l’individuazione di un tumore al seno. A differenza dei normali rilevamenti (che spesso sono invasivi o macchinosi), in tutti questi casi i tempi sono ridotti al minimo: bastano solo 5 secondi, sottolinea l’ingegnere Fan Ran.

COSTI – I sensori dell’Università della Florida non sono attualmente in commercio, ma diverse aziende si sono già dichiarate interessate a metterli in produzione. Dal momento che si utilizzano materiali già in uso nell’elettronica, i costi sono davvero bassi (20 centesimi di dollaro a chip), cifra che sale fino a 40 dollari per il kit completo di sistema wireless. Ma grazie alle economie di scala, si può arrivare anche a dimezzare questi costi.

Source: New Sensor Could Help Treat, Combat Diabetes, Other Diseases

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!