Tigem, ecco lo «spazzino» contro…

[caption id="attachment_1…

Ridurre il peso della burocrazia…

Roma, 12 maggio 2015 - “S…

Carenza di vitamina D: potrebbe …

Uno studio pubblicato su …

Microchip in grado di interagire…

Un consorzio europeo di s…

Allattamento: bambini con capaci…

Nonostante gli esperti no…

Approvato nuovo farmaco contro t…

Approvato nuovo farmaco …

Il veleno delle api veicolato di…

[caption id="attachme…

Utilizzo cellulari in eta' adole…

Iniziare a utilizzare il …

Ictus: isolata una mutazione gen…

Una variante genetica che…

Visite ai malati non-stop e repa…

  Oltre a curare al megli…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Prima sperimentazione sull’uomo del vaccino contro leucemia

Un vaccino contro la leucemia sta per essere testato per la prima volta su pazienti umani. Ricercatori britannici del King’s College di Londra hanno infatti sviluppato un trattamento capace di impedire alla malattia di ripresentarsi dopo la chemioterapia o il trapianto di midollo osseo, immunizzando il corpo umano contro la leucemia e possibilmente anche contro altri tipi di cancro.

Il primo dei pazienti di Leucemia acuta mieloide, la forma piu’ comune a colpire gli adulti, sara’ curato al King’s College. I risultati dello studio saranno pubblicati sul Journal of Cancer Immunology, Immunotherapy. “Il vaccino non e’ necessariamente qualcosa che previene una malattia, ma puo’ anche insegnare il sistema immunitario di un paziente gia’ colpito a riconoscere la malattia e a combatterla“, ha spiegato Farzin Farzaneh, ricercatore che partecipera’ alla sperimentazione clinica. “In questo modo, previeniamo il ritorno della malattia: in meta’ dei pazienti di leucemia la malattia spesso si ripresenta anche dopo un trattamento aggressivo”. Il vaccino e’ ricavato rimuovendo le cellule sanguinee del paziente e modificandole in laboratorio, aggiungendo due geni necessari per identificare e segnalare la presenza di leucemia.

“Il vaccino potenzia le naturali capacita’ del sistema immunitario di scovare e distruggere le cellule nocive”. Il nuovo sistema, che ha richesto 20 anni per la realizzazione, ha ricevuto numerosi finanziamenti statali e privati. Il costo del trattamento per ogni paziente dovrebbe aggirarsi attorno ai 20 mila euro, circa il 10 per cento in piu’ dei trattamenti tradizionali.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi