Disturbi comportamentali "da Bis…

Il bisfenolo A ha causato…

Urologia: utilizzo delle cellule…

La Fondazione italiana co…

Vero & Falso sulla Radioterapia

[caption id="attachment_3…

Oncologia Integrata e Nutrizione…

VI Congresso ARTOI 7-8 …

Sequenziato il genoma del parass…

[caption id="attachment_1…

Tumore del seno: la diminuzione …

La diminuzione del numero…

Allergie: l'assortimento immunit…

Le mamme regalano al figl…

Dolore cronico negli anziani: 7 …

Convivono, anche da oltre…

Cancro al seno: le donne colpite…

L'attivita' fisica dopo u…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule staminali pluripotenti: studi recenti ‘calibrano’ le aspettative

la differenziazione cellulare

la differenziazione cellulare

La grande promessa delle cellule staminali pluripotenti indotte (iPS), le cosiddette staminali ‘ringiovanite’, consiste nella possibilita’ che queste possano disporre delle stesse caratteristiche delle staminali embrionali, senza suscitare problemi etici e controversie fra gli scienziati.
Uno studio pubblicato su ‘Pnas’ getta ombre sulla reale abilita’ delle ‘cellule bambine’ ringiovanite di comportarsi come embrionali ‘doc’.

In particolare, la ricerca ha confrontato la capacita’ delle iPS e delle embrionali di differenziarsi in cellule del cervello e ha evidenziato che, alla prova dei fatti, le cellule ringiovanite si differenziano in modo meno efficiente ed efficace rispetto alle controparti embrionali.
“A questo punto c’e’ ancora del lavoro da fare per generare cellule staminali pluripotenti indotte ideali per le applicazioni”, conclude Su-Chun Zhang, docente dell’University of Wisconsin-Madison School of Medicine.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!