Tumori del seno: TAZ, un gene ch…

Si chiama TAZ ed è il gen…

Inseminazione intrauterina: magg…

Uno studio osservazionale…

I farmaci per la pressione: inas…

I farmaci beta-bloccanti…

Emoglobina per le trasfusioni pr…

E' molto simile a quella …

Chemioterapia: presto un gelato …

Un gelato amico dei malat…

Olio extravergine di oliva: perc…

Che l’olio extravergine d…

Broncopneumopatia cronico ostrut…

I risultati dello studio …

"Nuovi anticoagulanti orali: in…

Sintesi interventi relato…

Degenerazione maculare: il fumo …

[caption id="attachment_5…

Il corpo umano: un mosaico genet…

DNA non è lo stesso in tu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule staminali pluripotenti: studi recenti ‘calibrano’ le aspettative

la differenziazione cellulare

la differenziazione cellulare

La grande promessa delle cellule staminali pluripotenti indotte (iPS), le cosiddette staminali ‘ringiovanite’, consiste nella possibilita’ che queste possano disporre delle stesse caratteristiche delle staminali embrionali, senza suscitare problemi etici e controversie fra gli scienziati.
Uno studio pubblicato su ‘Pnas’ getta ombre sulla reale abilita’ delle ‘cellule bambine’ ringiovanite di comportarsi come embrionali ‘doc’.

In particolare, la ricerca ha confrontato la capacita’ delle iPS e delle embrionali di differenziarsi in cellule del cervello e ha evidenziato che, alla prova dei fatti, le cellule ringiovanite si differenziano in modo meno efficiente ed efficace rispetto alle controparti embrionali.
“A questo punto c’e’ ancora del lavoro da fare per generare cellule staminali pluripotenti indotte ideali per le applicazioni”, conclude Su-Chun Zhang, docente dell’University of Wisconsin-Madison School of Medicine.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Essere Medico Oggi

La ricerca è l’unica speranza.. speriamo bene!

Archivi

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x