Videocapsule potrebbero sostitui…

[caption id="attachment_1…

Ancora un mese per partecipare a…

Con 500.000 persone col…

Psoriasi: rischia l'insorgenza d…

Le persone affette da for…

Boehringer Ingelheim inizia uno …

Primo studio registra…

Resveratrolo, e l'efficacia cont…

Un composto polifenolico,…

La multipla personalita' dei gen…

[caption id="attachment_5…

Scienziati spiegano come le cell…

La questione di come sing…

Parto naturale stimola nella don…

Il parto naturale, a diff…

Mammografia: in grado di dimezza…

Vincere il cancro del sen…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fumo attivo, passivo e di “terza mano” rilasciano agenti cancerogeni per settimane

Il fumo, anche se “di terza mano”, è nocivo per la salute: può arrivare a far insorgere il cancro – anche se ulteriori studi sono attualmente in atto per comprenderne la correlazione – e a rimetterci sono, più di tutti, i bambini. Dopo il fumo attivo – già conosciuto per gli effetti sulla salute – e il fumo passivo o “di seconda mano” – “second hand smoke”, come viene chiamato dagli inglesi – arriva il fumo “di terza mano”: quello che si respira attraverso le particelle depositate sui vestiti e sulla pelle di chi fuma o di chi è stato vicino a un fumatore, sulla tappezzeria dell’auto e sui tessuti che arredano la casa di chi non può fare a meno delle “bionde”. È quanto sostiene un gruppo di studiosi della Berkeley University (California) in uno studio pubblicato sulla rivista internazionale Pnas, da cui emerge che i residui di nicotina possono persistere anche per settimane sulle superfici dei mobili, sui tessuti e sulla pelle rilasciando agenti cancerogeni.

Lo studio è stato condotto analizzando i livelli di tossine su diversi oggetti esposti al fumo di sigaretta: su tutti gli oggetti analizzati sono stati rilevati livelli di tossine “sostanziali”. E le macchie gialle di nicotina su carte da parati e tappezzeria, oltre a essere maleodoranti e antiestetiche, sarebbero un coacervo di tossine in grado di reagire con alcuni composti comunemente presenti nell’aria – dentro e fuori casa – scatenando reazioni che generano sostanze chimiche dannose come le Tsna, le Tabacco-nitrosammine specifiche.

Ulteriori studi, spiegano i ricercatori, sono necessari per stabilire statisticamente quanto cancerogeni possano essere gli ambienti all’interno dei quali si è fumato: nel dubbio, intanto, meglio non infestare case e automobili col fumo di sigaretta. (ASCA)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!