Alzheimer: la protezione dall'os…

Due studi diversi pubblic…

Dolore infiammatorio e neuropati…

Alcuni estratti provenien…

Da domani a sabato 29, Verona os…

27 -29 novembre 2014 Ver…

Le mandorle e il loro benefico r…

[caption id="attachment_8…

INCONTRO CON I NUOVI TITOLARI: …

Un incontro specifico per…

HIV/AIDS: 30 anni fa si è descri…

L'Aids 30 anni fa nascev…

L'endocitosi delle cellule potre…

[caption id="attachment_6…

Dolore cronico perineale: dall'1…

Nel suggestivo borgo medi…

Epatite C: la scoperta di intera…

La scoperta del ruolo chi…

Di corsa verso il benessere. Com…

Runner, calciatore, sciat…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La multipla personalita’ dei geni

Individuata la proteina che, regolando il cosiddetto processo di splicing alternativo, consente ad alcuni geni di esprimere più proteine.

Anche i geni possono avere una “personalità” multipla, ma perché il passaggio da una all’altra vada a buon fine e non dia luogo a comportamenti dannosi deve essere regolato attentamente.

Com’è noto i geni sono lunghe sequenze di basi che rappresentano una sorta di alfabeto dell’informazione genetica che guida la produzione di proteine. I geni tuttavia possono talvolta venire tagliati e ricuciti – un’operazione nota in gergo con il termine “splicing alternativo” – dando luogo a un’informazione differente, un po’ come se nella parola “contrastare” si operassero due tagli, uno dopo le lettere “con” e l’altro dopo “tras” per poi ricucire la prima sezione con l’ultima, in modo da ottenere la parola “contare”. In questo modo da uno stesso gene originario è possibile ottenere la produzione di due o più proteine differenti.

Con l’invecchiamento questa funzione di splicing può incorrere in mal funzionamenti, e produrre proteine “prive di senso” (ottenendo per esempio “conare” al posto di “contare”) invece di quelle corrette. Queste proteine aberranti possono danneggiare la cellula favorendone la deriva oncologica o altri disturbi e malattie legati all’età.

Ora, un gruppo di ricercatori dell’University of Texas Health Science Center a San Antonio diretto da Olivia Pereira-Smith ha individuato una proteina che presiede al corretto funzionamento delle operazioni di splicing.

Come viene illustrato in un articolo pubblicato sulla rivista “Science Express” a prima firma Reini F. Luco, il nuovo studio ha rivelato che questa funzione è svolta dalla proteina MRG15, che ha la capacità di legarsi agli istoni della cromatina e che era già nota per influenzare la crescita cellulare e l’invecchiamento. La scoperta ha potenziali implicazioni per lo sviluppo di di terapie che possano contrastare questi fenomeni.
Le Scienze

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi