La presenza di geni specifici de…

[caption id="attachme…

Il pesce introdotto nella dieta …

I pesci grassi “elisir” d…

Protesi PIP e Codacons: per il T…

"Il Tar del Lazio, con un…

Molecole stabilizzanti d'umore i…

Alcune molecole in ciocco…

L'estinzione di massa ha aiutato…

[caption id="attachme…

Tumori: inattivare una proteina …

Roma, 14 giu - Inattivare…

A Rho F@RE Diversamente: quando …

Una realtà informale, rel…

Autismo e smog: studiato il ness…

Le donne esposte ad alti …

Stimolazione elettrica per sedar…

Chicago, 13 gen. - Grazie…

"Macchina della pelle": dalla Ge…

Una macchina fabbrica-pel…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il sole: il piu’ grande stimolatore del sistema immunitario

Le cellule T (timo) sono la difesa dell’organismo umano contro le infezioni. Individuando e distruggendo i patogeni esterni, queste cellule ci aiutano a rimanere sani. Una nuova ricerca svolta in Danimarca rivela che le cellule T necessitano di dosi fisiologiche di vitamina D nel sangue per poter essere attive e compiere il proprio ruolo di difesa in modo adeguato. Quest’ultima scoperta, i cui particolari sono pubblicati sulla rivista Nature Immunology, potrebbe aiutare i medici a risolvere i casi di reazioni autoimmunitarie e anche a contrastare il rigetto di organi trapiantati.

Le cellule T sono un tipo di leucociti che rivestono un ruolo centrale nel sistema immunitario. Per poter trovare, reagire e combattere le varie infezioni dell’organismo, le cellule T devono trasformarsi, da dormienti e innocue, in cellule attive in grado di uccidere virus e batteri spesso anche pericolosi.

Gli scienziati dell’Università di Copenaghen, in Danimarca, hanno scoperto che la vitamina D è fondamentale per la funzionalità delle cellule T. In assenza di fonti sufficienti di questa vitamina nel sangue – dicono i ricercatori – le cellule rimangono dormienti e sono quindi incapaci di “attivarsi” per combattere gli agenti patogeni esterni.

“Quando una cellula T è esposta ad un agente patogeno esterno, essa attiva un dispositivo di segnalazione o “antenna” – noto come recettore della vitamina D – con cui cerca di individuare la vitamina D”, ha dichiarato Carsten Geisler, professore dell’università. “Ciò significa che le cellule T hanno bisogno della vitamina D, altrimenti la loro attivazione cesserà. Se le cellule T non riescono a trovare abbastanza vitamina D nel sangue, neanche inizieranno a mobilitarsi”.

La luce del sole è una fonte di vitamina D naturale (e anche la più ovvia), spesso presente come sottoprodotto naturale dell’esposizione della pelle al sole. Pochissimi alimenti contengono quantità elevate di questa vitamina. Tra le fonti migliori ci sono i pesci grassi, come ad esempio il salmone, il tonno e lo sgombro, mentre piccole quantità di vitamina D si possono trovare nel formaggio, nel latte e nel tuorlo d’uovo. Sebbene gli esperti raccomandino una dose giornaliera compresa tra i 25 e i 50 microgrammi di vitamina D, non esistono studi esaustivi per determinarne la quantità ottimale.

Gli scienziati sono riusciti a seguire la sequenza biochimica legata alla trasformazione di una cellula T dalla sua forma inattiva alla sua forma attiva. Questa capacità di monitorare la sequenza permette di intervenire in molti punti diversi per modulare la risposta immunitaria. La scoperta principale è stata che le cellule T inattive non contengono il recettore della vitamina D ed una molecola specifica (PLC-gamma1).

Per il professor Geisler e il team, questo risultato rappresenta un importante passo avanti. “Gli scienziati sanno da tempo che la vitamina D è importante per l’assorbimento del calcio e che essa sembra anche coinvolta in malattie come il cancro e la sclerosi multipla. Ma ciò che ancora non si sapeva è quanto sia fondamentale per l’attivazione del sistema immunitario”, ha detto.

Infatti, questo nuovo particolare potrebbe potenzialmente contribuire alla regolazione della risposta immunitaria, che è importante non solo per combattere la malattia, ma anche per evitare le reazioni autoimmunitarie dell’organismo e il rigetto di organi (dopo i trapianti, le cellule T possono attaccare l’organo del donatore come un invasore esterno).

Il professor Geisler ha aggiunto che la ricerca potrebbe addirittura aiutare a combattere le malattie infettive e le epidemie a livello mondiale. “[I risultati] saranno particolarmente utili nello sviluppo di nuovi vaccini, che funzionano proprio sulla base sia di abituare il nostro sistema immunitario a reagire che di sopprimere le difese naturali dell’organismo in situazioni in cui questo è importante, come ad esempio nel caso di trapianti di organi e malattie autoimmunitarie”.

Per maggiori informazioni, visitare:

Nature Immunology:
http://www.nature.com/ni/index.html

Università di Copenaghen:
http://www.ku.dk/

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!