Chirurgia toracica video-assisti…

Presso il Centro Congre…

Un gene responsabile della reazi…

[caption id="attachment_7…

Dalla propoli, nuova arma contro…

Dalla propoli, un princip…

Prostatite: tre domande per scop…

Dal congresso europeo deg…

Tumori: scoperti due nuovi bioma…

Presto un semplice esame …

Cellule staminali: per rigenerar…

Le staminali sostitui…

Genetica: approccio con un nuovo…

Una nuova ricerca statuni…

Intuizione: e i neuroni cambiano…

[caption id="attachment_7…

Wheezing ricorrente e asma nei b…

E’ stata inaugurata, oggi…

La perdita di udito

Circa il 16 per cento deg…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scienziati ‘identificano’ le forze molecolari durante la divisione cellulare

Metafase

Metafase

Per capire cosa succede in una cellula, e nello specifico ai cromosomi durante la divisione che porta a due cellule gemelle, immaginiamo due sorelle siamesi legate a due forze motrici che cercano di separarle brutalmente tirandole dai lati in direzioni opposte. Anche i cromosomi che devono dividersi in copie gemelle identiche, devono subire la brutalità di questa forza motrice.
Comprendere altresi’ i meccanismi di segregazione e di questa forza, vuol dire arrivare a capire in ogni aspetto sia lo sviluppo dell’organismo umano, ma anche il malfunzionamento che porta patologie quali cancro e malattie degenerative. E’ questo il risultato di studi di ricercatori, svolti all’MBL.

In un rapporto relativo a questo studio, recentemente pubblicato sul Journal of Cell Biology, gli scienzati descrivono l’interazione tra i cinetocori, il cui ruolo è quello di agganciarsi ai microtubuli del Fuso mitotico durante la divisione cellulare, e i microtubuli, che orchestrano questo ‘motore’ fatto di fili da ‘tirare’ in fase di mitosi.
Per fare questo, il gruppo ha sviluppato un nuovo canale per preparare e fotografare la divisione (mitosi) delle cellule umane, come pure l’analisi cumputazionale delle immagini, per quantificare l’interazione della forza del cinetocore e svilupparla in 3D-
“Possiamo affermare con certezza che lo sviluppo di questo nuovo metodo di osservazione non è mai stato sviluppato altrove, e siamo i primi ad arrivare a regalare questa visione suggestiva. Non avremmo potuto fare questo lavoro ovunque se non alla MBL“, dice Jason Swedlow, professore presso l’Università di Dundee, in Scozia.

Collaboratori MBL Swedlow su questo lavoro, che continuerà nelle estati future, agli scienziati dei laboratori del Prof. Gaudenz Danuser (Harvard Medical School), il dottor Patrick Meraldi (ETH Zurigo, Svizzera), e il Dr. Andrew McAinsh (Marie Curie Research Institute, Inghilterra). Il gruppo è anche conosciuto come MBL Kinetochore Consortium.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi