Spina bifida: al Gemelli si da l…

Ricercatori dell'Universi…

I batteri intestinali sintetizza…

Il cancro al colon-retto …

Iniezioni di gel di staminali ne…

Con un'iniezione di stami…

Cellule staminali: riprogrammazi…

Alcuni ricercatori del We…

L'olfatto dei cani in grado di f…

Grazie alla sensibili…

Il sud est asiatico libero dalla…

Dichiarazione da parte de…

Studiando la viscosità del citop…

Alcuni ricercatori finanz…

Morti da "sangue infetto": ripar…

Roma, 10 luglio 2014. La …

Cefalee a grappolo: una sostanza…

Una sostanza analoga all'…

Ricercatori finanziati dall'UE t…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Parkinson: successo di elettrodi ‘in situ’ per controllo movimenti

La chirurgia cerebrale per trattare il morbo di Parkinson e’ piu’ efficace delle sole medicine. Lo ha dimostrato uno studio inglese pubblicato dalla rivista Lancet Neurology, che ha esaminato una tecnica che consiste nell’inserire degli elettrodi nel cervello che rilasciano una corrente elettrica. Questa metodologia attiva le aree che controllano il movimento, migliorando i sintomi della malattia.

I ricercatori hanno studiato 366 pazienti di cui una parte ha ricevuto sia l’operazione che le medicine, e l’altra solo le medicine. Dopo un anno i soggetti del primo gruppo hanno riportato una migliore qualita’ della vita. “Questa non e’ una cura – ha precisato alla Bbc Keith Wheatley dell’University of Birmingham – quello che fa il trattamento e’ controllare i sintomi, il che lo rende un’opzione importante”. Lo studio e’ durato 10 anni, ed e’ il piu’ grande fino a questo momento su questa tecnica.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi