Differenza genica tra uomo e cav…

Due importanti caratteris…

Crisi ipoglicemiche: sei settima…

Un programma di correzion…

Ictus al femminile: come preveni…

L’American Heart Associat…

Malaria: l'azione diretta su lar…

Colpire i siti di ri…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

Il ruolo dei prioni nella memori…

Le proteine prioniche, no…

Dal 29 novembre al primo dicembr…

Il numero uno della Socie…

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Tumori: il gioco chiave delle be…

Non solo predisposizione …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Obesita’ nei bambini e’ patologia: differenze sostanziali anche nella metabolizzazione dei farmaci

Una ricerca ha evidenziato per la prima volta le differenze di effetto della caffeina e del destrometorfano, una molecola utilizzata nei soppressori della tosse

Nell’organismo dei bambini obesi i farmaci vengono metabolizzati in modo differente da quanto avviene nei bambini normali: è questa la conclusione di uno studio dello University of Minnesota College of Pharmacy che ha preso in considerazione 16 bambini sani e nove obesi tutti di età compresa tra 6 e 10 anni.

“Da anni è ben noto che i farmaci vengono metabolizzati in modo differente dagli adulti obesi rispetto a soggetti in salute, ma esistevano finora pochissime informazioni sulle conseguenze per la salute di questa condizione patologica”, ha spiegato Aurelle Johnson, ricercatore del Department of Experimental and Clinical Pharmacy dell’UM, che ha coordinato lo studio insieme con la collega Manoj Chiney.

Nel corso dello studio, Johnson and Chiney hanno esaminato in particolare l’attività enzimatica e la capacità di metabolizzare la caffeina e il destrometorfano, un componente chiave per un farmaco soppressore della tosse. Si è così potuto riscontrare una significativa differenza tra soggetti normopeso e soggetti obesi, analogamente a quanto avviene negli adulti, anche se occorreranno altri studi per determinare l’effetto complessivo di questa condizione su assorbimento, distribuzione, metabolismo ed eliminazione delle sostanze nell’organismo.

“Complessivamente, la conoscenza concernente fattori chiave che influiscono sull’attività degli enzimi coinvolti nel metabolismo dei farmaci nei bambini potrebbe avere un significativo impatto sullo sviluppo di terapie ottimali per l’età pediatrica, massimizzando l’efficacia e minimizzando gli effetti collaterali in patologie gravi come i tumori”, ha concluso Johnson, che ha presentato i risultati all’annuale convegno dell’American Society for Pharmacology and Experimental Therapeutics.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!