Tagliare il Fondo sanitario è un…

Roma, 29 gennaio 2015 - “…

Dalla svezia sulla fecondazione …

Circa il 2% dei parti e' …

Carcinoma prostatico metastatico…

I risultati di uno studio…

AL POLICLINICO DI BARI LA PROSTA…

Grazie al laser centinaia…

Alzheimer: studi mettono in luce…

Uno studio condotto su un…

Nuovo metodo per studiare altera…

[caption id="attachment_6…

Risultati promettenti dal pallon…

Presentati al Joint Inter…

Iniezioni di gel di staminali ne…

Con un'iniezione di stami…

Italian Health Policy Brief: “Os…

In Europa i costi sono st…

La proteina che alimenta il canc…

Trap1 riesce a far so…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un pacemaker sottocutaneo per l’ipertensione farmacoresistente

Per abbassare l’ipertensione piu’ irriducibile c’e’ una nuova speranza: un pacemaker stimolatore impiantato sotto la cute. L’apparecchio e’ stato impiantato alle Molinette di Torino a una paziente cinquantenne che, nonostante l’assunzione giornaliera di 12 farmaci anti-ipertensivi, aveva una pressione con valori medi di 240/140 mmHg. L’intervento e’ stato eseguito da Alessandro Ducati, direttore della Neurochirurgia universitaria dell’ospedale torinese, in collaborazione con Franco Veglio, direttore del Centro Ipertensione. Lo stimolatore sottocute e’ collegato a due elettrodi posti nel collo intorno alla biforcazione della arterie carotidi.


Grazie a quest’azione – spiegano i medici – dai recettori neurosensoriali partono segnali a cuore, vasi sanguigni e reni che rilassano i vasi e inibiscono la produzione degli ormoni vasocostrittori. Il risultato, quindi, e’ quello di ridurre la pressione arteriosa nei pazienti per cui i farmaci si sono rivelati inefficaci. Una speranza in piu’ per quel milione di persone, in Italia (su un totale di 20 milioni di ipertesi) colpite da ipertensione resistente alle terapie farmacologiche.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x