Spesa farmaceutica: non c’è equi…

Roma, 8 gennaio 2016 – “N…

Contraccettivi ormonali ma non o…

Contraccettivi ormonali n…

Un corso ECM FAD perché il farma…

Roma, 4 novembre 2014- E’…

Ebola: anticorpo sviluppato in l…

Scoperta una proteina rec…

Scoperta funzione antitumorale d…

Scoperta funzione antitum…

La cultura "di ferro" anti-anemi…

Le ragazze italiane a…

Equivalenti leva fondamentale pe…

La relazione annuale dell…

Il segreto della resistenza dell…

Secondo lo studio, sarebb…

Insufficienza pancreatica esocri…

[caption id="attachment_7…

Le centraline energetiche delle …

Nuove prove speriment…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un pacemaker sottocutaneo per l’ipertensione farmacoresistente

Per abbassare l’ipertensione piu’ irriducibile c’e’ una nuova speranza: un pacemaker stimolatore impiantato sotto la cute. L’apparecchio e’ stato impiantato alle Molinette di Torino a una paziente cinquantenne che, nonostante l’assunzione giornaliera di 12 farmaci anti-ipertensivi, aveva una pressione con valori medi di 240/140 mmHg. L’intervento e’ stato eseguito da Alessandro Ducati, direttore della Neurochirurgia universitaria dell’ospedale torinese, in collaborazione con Franco Veglio, direttore del Centro Ipertensione. Lo stimolatore sottocute e’ collegato a due elettrodi posti nel collo intorno alla biforcazione della arterie carotidi.


Grazie a quest’azione – spiegano i medici – dai recettori neurosensoriali partono segnali a cuore, vasi sanguigni e reni che rilassano i vasi e inibiscono la produzione degli ormoni vasocostrittori. Il risultato, quindi, e’ quello di ridurre la pressione arteriosa nei pazienti per cui i farmaci si sono rivelati inefficaci. Una speranza in piu’ per quel milione di persone, in Italia (su un totale di 20 milioni di ipertesi) colpite da ipertensione resistente alle terapie farmacologiche.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!