Scoperta struttura proteina esse…

Un team di ricercatori sp…

Sclerosi Multipla: scoperte nuov…

Uno studio internazionale…

Fidia Farmaceutici annuncia l'ap…

Abano Terme, 18 novembre …

Pasqua si avvicina: bambini non …

Con la Pasqua e i pro…

Un antico antimalarico cinese e …

L'alofuginone è in grado …

Nascita prematura: osservate alt…

Nei bambini nati prematur…

Geni: negli USA la brevettabilit…

I geni, come ad esempio q…

Stress: il 70% di italiani ne pa…

[caption id="attachme…

Studi sulla relazione tra obesit…

[caption id="attachme…

Obesità e carenza di vitamina D,…

Sono stati pubblicati sul…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un pacemaker sottocutaneo per l’ipertensione farmacoresistente

Per abbassare l’ipertensione piu’ irriducibile c’e’ una nuova speranza: un pacemaker stimolatore impiantato sotto la cute. L’apparecchio e’ stato impiantato alle Molinette di Torino a una paziente cinquantenne che, nonostante l’assunzione giornaliera di 12 farmaci anti-ipertensivi, aveva una pressione con valori medi di 240/140 mmHg. L’intervento e’ stato eseguito da Alessandro Ducati, direttore della Neurochirurgia universitaria dell’ospedale torinese, in collaborazione con Franco Veglio, direttore del Centro Ipertensione. Lo stimolatore sottocute e’ collegato a due elettrodi posti nel collo intorno alla biforcazione della arterie carotidi.


Grazie a quest’azione – spiegano i medici – dai recettori neurosensoriali partono segnali a cuore, vasi sanguigni e reni che rilassano i vasi e inibiscono la produzione degli ormoni vasocostrittori. Il risultato, quindi, e’ quello di ridurre la pressione arteriosa nei pazienti per cui i farmaci si sono rivelati inefficaci. Una speranza in piu’ per quel milione di persone, in Italia (su un totale di 20 milioni di ipertesi) colpite da ipertensione resistente alle terapie farmacologiche.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x