Carne rossa: fa bene al cuore so…

Contro il colesterolo cat…

Microchimerismo: quando framment…

Materiale genetico e cell…

Un progetto europeo dedicato al …

[caption id="attachment_9…

Fibrillazione atriale: scoperto …

[caption id="attachment_6…

Paraplegici: la robotica in aiut…

Un sistema che unisce gli…

Leucemia linfatica cronica: Comm…

[caption id="attachment_7…

Farmaci: una tecnica che trasfor…

Grazie a una nuova tecnic…

Oppioidi ingegnerizzati: modific…

I GENI del papavero da op…

Custirsen per la cura del tumore…

Teva Pharmaceutical Indus…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un pacemaker sottocutaneo per l’ipertensione farmacoresistente

Per abbassare l’ipertensione piu’ irriducibile c’e’ una nuova speranza: un pacemaker stimolatore impiantato sotto la cute. L’apparecchio e’ stato impiantato alle Molinette di Torino a una paziente cinquantenne che, nonostante l’assunzione giornaliera di 12 farmaci anti-ipertensivi, aveva una pressione con valori medi di 240/140 mmHg. L’intervento e’ stato eseguito da Alessandro Ducati, direttore della Neurochirurgia universitaria dell’ospedale torinese, in collaborazione con Franco Veglio, direttore del Centro Ipertensione. Lo stimolatore sottocute e’ collegato a due elettrodi posti nel collo intorno alla biforcazione della arterie carotidi.


Grazie a quest’azione – spiegano i medici – dai recettori neurosensoriali partono segnali a cuore, vasi sanguigni e reni che rilassano i vasi e inibiscono la produzione degli ormoni vasocostrittori. Il risultato, quindi, e’ quello di ridurre la pressione arteriosa nei pazienti per cui i farmaci si sono rivelati inefficaci. Una speranza in piu’ per quel milione di persone, in Italia (su un totale di 20 milioni di ipertesi) colpite da ipertensione resistente alle terapie farmacologiche.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi