Dalle cozze arriva la nuova supe…

(ANSA)Arriva dalle cozze …

Antibatterico di saponi e collut…

Si può trovare nel sapone…

Grünenthal protagonista al 14° C…

Milano, 4 Settembre – Mil…

Impensabili altri tagli alla San…

Roma 12 dicembre 2014 - A…

Alzheimer: per contrastarlo a ta…

...in grado di contrastar…

Lo stato di invecchiamento di un…

L’osservazione dello stat…

Pubblicazione su Nature sulla ma…

Nature pubblica oggi onli…

Vaccino contro il diabete giovan…

L'annuncio dei medici…

Somministrazione precoce Laquini…

LA SOMMINISTRAZIONE PRECO…

TEVA ITALIA si mette in gioco pe…

L’azienda farmaceutica or…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un pacemaker sottocutaneo per l’ipertensione farmacoresistente

Per abbassare l’ipertensione piu’ irriducibile c’e’ una nuova speranza: un pacemaker stimolatore impiantato sotto la cute. L’apparecchio e’ stato impiantato alle Molinette di Torino a una paziente cinquantenne che, nonostante l’assunzione giornaliera di 12 farmaci anti-ipertensivi, aveva una pressione con valori medi di 240/140 mmHg. L’intervento e’ stato eseguito da Alessandro Ducati, direttore della Neurochirurgia universitaria dell’ospedale torinese, in collaborazione con Franco Veglio, direttore del Centro Ipertensione. Lo stimolatore sottocute e’ collegato a due elettrodi posti nel collo intorno alla biforcazione della arterie carotidi.


Grazie a quest’azione – spiegano i medici – dai recettori neurosensoriali partono segnali a cuore, vasi sanguigni e reni che rilassano i vasi e inibiscono la produzione degli ormoni vasocostrittori. Il risultato, quindi, e’ quello di ridurre la pressione arteriosa nei pazienti per cui i farmaci si sono rivelati inefficaci. Una speranza in piu’ per quel milione di persone, in Italia (su un totale di 20 milioni di ipertesi) colpite da ipertensione resistente alle terapie farmacologiche.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x