Epatite C: prossima definitiva c…

''Nei prossimi anni conti…

Neuroni: la loro memoria 'comand…

E' l'attivazione dei dend…

Le statine, e l'azione inibente …

Le statine ipocolesterole…

Eiaculazione precoce: a Salerno …

In occasione del 13° Cong…

Alcol: scoperto interruttore mol…

Individuata una mole…

Tumore al pancreas: intervento e…

[caption id="attachment_1…

Prima giornata nazionale di sens…

PRIMA GIORNATA NAZIONALE …

La doppia ..personalita' del DNA

La doppia elica del DNA p…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Per un cuore sano, oltre a colesterolo e pressione

Tenere sotto controllo la presenza di un enzima per avere una protezione in più contro le malattie cardiache. Il discorso vale in particolare per i soggetti a rischio: oltre ai livelli di colesterolo e ai valori della pressione arteriosa, per tenere a bada le infiammazioni che possono portare a patologie cardiache è bene controllare anche la presenza nel sangue della “lipoproteina associata alla fosfolipasi A2” (Lp-PLA2). Il nuovo metodo di “tracciabilità” delle infiammazioni cardiache arriva da uno studio pubblicato sulla rivista internazionale TheLancet da un gruppo di studiosi dell’Università di Cambridge (Regno Unito) guidati da Alexander Thompson e John Danesh.

L’enzima infiammatorio è già noto per essere collegato alle patologie cardiache: viene infatti prodotto nelle placche aterosclerotiche come risposta infiammatoria, e i suoi livelli sembrano essere più elevati nelle persone le cui arterie sono più colpite da infiammazione. La ricerca, condotta sui dati di 79.036 soggetti raccolti da 32 diversi studi prospettici, è stata realizzata per valutare se effettivamente i livelli di massa circolante di Lp-PLA2 possano essere considerati a tutti gli effetti un fattore di rischio per lo sviluppo di malattie coronariche e ictus.

Dallo studio è emerso che la sola presenza dell’enzima nel sangue non è sufficiente a scatenare eventi cardiovascolari, ma che è collegata alle malattie coronariche allo stesso modo dei livelli di pressione arteriosa e del colesterolo non-HDL (che indica la quantità di tutto il colesterolo cattivo circolante nel sangue e si ottiene sottraendo al colesterolo totale il valore del colesterolo buono HDL. È in grado di predire il rischio di malattie cardiovascolari con più precisione rispetto al solo livello del colesterolo cattivo LDL, che è in esso compreso). Prendendo di mira l’enzima, quindi, si potrebbe ottenere un’arma in più per combattere le malattie cardiache.

Ulteriori studi dovranno essere compiuti, spiegano i ricercatori, per chiarire se la manipolazione dei livelli dell’enzima potrà essere considerato un nuovo metodo per diminuire il rischio di sviluppare malattie cardiache. (ASCA)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!