Epatite C: principale farmaco co…

L’FDA concede la procedur…

Colite ulcerosa: identificata un…

[caption id="attachment_8…

Sclerodermia localizzata: nuovi …

La scoperta apre le porta…

La veloce evoluzione del cromoso…

[caption id="attachment_5…

Vista: intervento risolutivo per…

Un unico intervento per p…

Alzheimer: al via il primo labor…

Combatte le patologie neu…

La paura accelera il processo di…

Scoperta una correlazione…

Merck Serono: completato l’arruo…

[caption id="attachment_1…

Prima sperimentazione clinica su…

Parte la prima sperimenta…

Da cellule epiteliali a neuroni

Più vicino l'obiettivo di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Una Farmacopea con meno burocrazia e più vicina ai bisogni di salute

L’Istituto Superiore di Sanità ha accolto le indicazioni della Federazione degli Ordini a proposito delle sostanze che devono essere obbligatoriamente presenti in farmacia. Novità importanti in fatto di insulina e oppiacei

Roma, 8 aprile 2010 – L’Istituto Superiore di Sanità ha accolto le indicazioni che la Federazione degli Ordini aveva avanzato per aggiornare e rendere più aderente la Farmacopea Ufficiale ai bisogni del cittadino e ai progressi della farmacologia. “Le nostre indicazioni riguardavano in particolare la  tabella n. 2 della Farmacopea, contenente l’elenco delle sostanze e/o prodotti medicinali di cui le farmacie devono essere obbligatoriamente provviste, per adeguarlo alle reali esigenze dei pazienti in relazione alle nuove acquisizioni della farmacologia ed agevolare, al contempo, le farmacie nell’adempimento degli obblighi che ne discendono.


E’ evidente che con il progredire delle conoscenze, con l’introduzione di nuove terapie, cambiano anche i medicinali che è assolutamente indispensabile siano presenti in tutte le farmacie” spiega il presidente della Federazione Andrea Mandelli. La Federazione suggeriva, tra l’altro, la cancellazione dell’obbligo di detenzione di alcune sostanze che non hanno più un’indicazione che trovi riscontro sul territorio, come il metadone e la buprenorfina per uso orale, e la modifica delle formulazioni di insulina umana obbligatorie, alle quali si sostituisce ora un’unica formulazione di insulina iniettabile ad azione rapida, così come indicato dalle linee guida internazionali. “Siamo soddisfatti di questa innovazione, che aggiunge un altro tassello all’azione di aggiornamento della pratica professionale condotta dalla Federazione degli Ordini” conclude Mandelli. “Un’azione che mira a rendere sempre più vicino al cittadino il servizio farmaceutico, così come è accaduto in tema di terapia del dolore e di dispensazione d’urgenza dei farmaci etici”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi