Scoliosi: migliora la terapia co…

Migliorare il rapporto d…

AIFA istituisce gruppo di lavoro…

Il direttore generale del…

Scoperto in America un virus che…

Riduce l'attivita' cognit…

Alla casa di cura Quarenghi di S…

  In media, la terapia r…

Sarcomi dei tessuti molli ad alt…

Straordinari risultati di…

Diabete di tipo 2: livelli di am…

I livelli di alcuni meta…

Farmaco diuretico, il bumetanide…

Un farmaco commercializza…

Patologie umane: 28.000 varianti…

La conoscenza dell'esatta…

Malaria: perché è importante dia…

[caption id="attachment_1…

Coppa Davis: Mundipharma al fian…

Supportato da Mundipharma…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il sudore, la disidratazione, l’impatto sul tessuto cerebrale e capacita’ cognitive

Sudare copiosamente, con la relativa disidratazione, ha effetti negativi sul cervello: lo “restringe” letteralmente, e lo fa invecchiare inficiando persino le capacita’ cognitive. Bastano 90 minuti di “sudata”, ad esempio un giro in bicicletta sotto il sole, per vedere il proprio cervello invecchiato di oltre un anno, o peggiorato come dopo due mesi e mezzo di progressione dell’Alzheimer. Lo hanno appurato i ricercatori Matthew Kempton e Ulrich Ettinger dell’Istituto di Psichiatria al King’s College di Londra, in uno studio pubblicato sulla rivista Human Brain Mapping. Il cervello si “nutre” letteralmente d’acqua: venendo a mancare l’idratazione, in pochi minuti la materia grigia inizia a restringersi, rallentando anche le normali funzioni cerebrali, compresa quella del ragionamento.


Se si vive in un regime di cronica scarsita’ di acqua, si hanno effetti negativi anche nel rendimento lavorativo e scolastico. Il team di scienziati ha scansionato il cervello di un gruppo di adolescenti dopo un’ora e mezzo di bicicletta. Alcuni erano iper-vestiti, con tre strati (uno a pelle, un abito con cappuccio e una tuta da ginnastica), altri con i classici pantaloncini e maglietta. Il primo gruppo aveva perso qualcosa come due litri di sudore, e in effetti la scansione cerebrale ha rivelato che il loro tessuto cerebrale si era gia’ ridotto. E sottoposto a test cognitivi, il gruppo dei “sudati” ha dimostrato piu’ difficolta’ e piu’ lentezza. “Abbiamo visto una contrazione generale del tessuto cerebrale”, spiegano gli scienziati al ‘Daily Mail. “le cavita’ piene di liquido al centro del cervello si sono espanse e c’era una corrispondente contrazione del tessuto cerebrale. Piu’ le persone avevano perso peso, piu’ il loro cervello si era ristretto”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x