Epatite C: prossima definitiva c…

''Nei prossimi anni conti…

Neuroni: la loro memoria 'comand…

E' l'attivazione dei dend…

Le statine, e l'azione inibente …

Le statine ipocolesterole…

Eiaculazione precoce: a Salerno …

In occasione del 13° Cong…

Alcol: scoperto interruttore mol…

Individuata una mole…

Tumore al pancreas: intervento e…

[caption id="attachment_1…

Prima giornata nazionale di sens…

PRIMA GIORNATA NAZIONALE …

La doppia ..personalita' del DNA

La doppia elica del DNA p…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il sudore, la disidratazione, l’impatto sul tessuto cerebrale e capacita’ cognitive

Sudare copiosamente, con la relativa disidratazione, ha effetti negativi sul cervello: lo “restringe” letteralmente, e lo fa invecchiare inficiando persino le capacita’ cognitive. Bastano 90 minuti di “sudata”, ad esempio un giro in bicicletta sotto il sole, per vedere il proprio cervello invecchiato di oltre un anno, o peggiorato come dopo due mesi e mezzo di progressione dell’Alzheimer. Lo hanno appurato i ricercatori Matthew Kempton e Ulrich Ettinger dell’Istituto di Psichiatria al King’s College di Londra, in uno studio pubblicato sulla rivista Human Brain Mapping. Il cervello si “nutre” letteralmente d’acqua: venendo a mancare l’idratazione, in pochi minuti la materia grigia inizia a restringersi, rallentando anche le normali funzioni cerebrali, compresa quella del ragionamento.


Se si vive in un regime di cronica scarsita’ di acqua, si hanno effetti negativi anche nel rendimento lavorativo e scolastico. Il team di scienziati ha scansionato il cervello di un gruppo di adolescenti dopo un’ora e mezzo di bicicletta. Alcuni erano iper-vestiti, con tre strati (uno a pelle, un abito con cappuccio e una tuta da ginnastica), altri con i classici pantaloncini e maglietta. Il primo gruppo aveva perso qualcosa come due litri di sudore, e in effetti la scansione cerebrale ha rivelato che il loro tessuto cerebrale si era gia’ ridotto. E sottoposto a test cognitivi, il gruppo dei “sudati” ha dimostrato piu’ difficolta’ e piu’ lentezza. “Abbiamo visto una contrazione generale del tessuto cerebrale”, spiegano gli scienziati al ‘Daily Mail. “le cavita’ piene di liquido al centro del cervello si sono espanse e c’era una corrispondente contrazione del tessuto cerebrale. Piu’ le persone avevano perso peso, piu’ il loro cervello si era ristretto”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!