Fumo e cancro della prostata: co…

I fumatori hanno maggiori…

"Adulti e vaccinati" - Gli espe…

Censis: la polmonite an…

AIDS e HIV: nuovo test messo a p…

I virologi statunitensi…

Batteri: a casa ognuno ha i suoi…

La casa è una 'culla' di …

Ancora un passo in avanti nella …

ALT- Associazione per la …

Sindrome metabolica: frutta secc…

Le noci e altri tipi di f…

L'area del cervello che 'delimit…

[caption id="attachme…

Superbatterio in GB: è allarme c…

Il pericolo corre sul bu…

Dall'ameba "truffatrice" i segre…

La capacità di mantenere …

La resurrezione di ancestrali re…

Normalmente, i retrovirus…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Parkinson: l’impossibilita’ di eliminare i mitocondri difettosi

un mitocondrio

Le mutazioni che causano la malattia impediscono alle cellule di distruggere i mitocondri difettosi

Le mutazioni che causano la malattia di Parkinson impediscono alle cellule di distruggere i mitocondri difettosi: è quanto afferma un nuovo studio pubblicato sulla rivistaJournal of Cell Biology.

Già da alcuni anni è noto che una delle cause delle forme precoci di questa grave malattia neurodegenerativa è la ligasi dell’ubiquitina denominata Parkin. La proteina normale promuove la rimozione dei mitocondri difettosi in virtù di una forma specializzata di autofagia denominata mitofagia, consegnandoli ai lisosomi per la degradazione. Nella malattia di Parkinson i mitocondri sono spesso difettosi, ma non è mai stato chiarito finora per quale motivo non venissero regolarmente rimossi.

Ora un gruppo di ricercatori della Duke University guidati da Tso-Pang Yao ha trovato che le cellule che esprimono le forme mutanti della Parkin non sono in grado di rimuovere i mitocondri dopo che gli organelli sono stati danneggiati.

Normalmente il processo di ubiquitinazione dei mitocondri difettosi da parte della Parkin coinvolge le proteine di autofagia HDAC6 e p62 per distruggere questi aggregati mitocondriali.

La distruzione dei mitocondri difettosi appare perciò simile alla rimozione delle proteine danneggiate, un altro processo autofagico che si deteriora nella malattia di Parkinson che dà come risultato l’accumulo di aggregati di proteine tossiche. Entrambi i cammini biochimici sono basati su microtubuli e sulle proteine HDAC6 e p62, ha sottolineato Yao, il che fornisce un collegamento tra le due principali caratteristiche della malattia neurodegenerativa a livello molecolare.

3 comments

  1. Pingback: Tweets that mention Parkinson: l’impossibilita’ di eliminare i mitocondri difettosi | ..::LIQUIDAREA::.. -- Topsy.com

  2. Pingback: Dalle staminali ai globuli rossi | Zanichelli Aula Scienze

  3. Pingback: Una sonata di geni | Zanichelli Aula di scienze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: