Vaccini: nuova generazione in gr…

Le vaccinazioni in p…

Trapianto utero: tra due anni ci…

[caption id="attachme…

Contro il diabete di tipo 1, ins…

[caption id="attachment_7…

Tumore del colon retto: ricerca …

I ricercatori dell'Irgb-C…

La 'Terapia fotodinamica' che so…

[caption id="attachment_1…

"Tintarella naturale" con frutta…

Ciò che mangi ti si legge…

Eccellenza “targata” al reparto …

Una targa prestigiosa -ch…

Nobel per la medicina o fisiolog…

Il Nobel per la medicina …

Studi nipponici su cellule stami…

Cellule nervose ottenute …

Nuovi neuroni ottenuti come risp…

Gli scienziati sono riusc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tamoxifene: studio su interazioni pericolose

Numerosi farmaci interferiscono questo medicinale e ne diminuiscono l’efficacia contro le recidive. Uno studio su Journal of Clinical Oncology

Il carcinoma mammario colpisce una donna su dieci e, per limitare il rischio di recidive, viene prescritto principalmente il tamoxifene. Esistono però numerosi farmaci che diminuiscono la sua efficacia, mettendo in pericolo migliaia di donne inconsapevoli. Uno studio condotto dai ricercatori della Mayo Clinic (Usa) e pubblicato sul Journal of Clinical Oncology aiuta a fare chiarezza e illustra le interazioni più pericolose.

I principi attivi da evitare indicati dai ricercatori statunitensi appartengono a diverse classi di farmaci e, in alcuni paesi, possono essere ottenuti senza ricetta. Si tratta di antidepressivi come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRIs) e della noradrenalina (SNRSs), per esempio la paroxetina, la fluoxetina, il bupropione e la duloxetina; antipsicotici come la tioridazina, la perfenazina e il pimozide; antiritmici e farmaci per il cuore quali la chinidina e la ticlopidina, gli antiinfettivi e gli antistaminici e alcuni calciomimetici.

Questi farmaci impediscono a un particolare enzima – chiamato CYP2D6 – di metabolizzare il tamoxifene e trasformarlo nella sua forma attiva, quella cioè utile nella prevenzione delle recidive. Al loro posto è comunque possibile utilizzare altri medicinali della stessa classe, che però non bloccano l’attività enzimatica.

Riferimenti: doi:10.1200/JCO.2009.23.8931

Galileonet.it

1
Lascia una recensione

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Tweets that mention Tamoxifene: studio su interazioni pericolose | ..::LIQUIDAREA::.. -- Topsy.com Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] This post was mentioned on Twitter by Liquidarea Dotcom. Liquidarea Dotcom said: Tamoxifene: studio su interazioni pericolose .. http://bit.ly/cmfVHo […]

Archivi