Il progetto Afya per un mondo li…

In occasione della Giorna…

[ASCO] Tumori della tiroide e de…

[caption id="attachment_7…

Carcinoma alla tiroide: nuove te…

L'agenzia del farmaco sta…

Pochi alimenti, i neuroni dell'i…

A differenza degli altri …

Milano all’avanguardia nel tratt…

Dottor Maurizio Cremona, …

Tumore al seno: secondo Veronesi…

''Siamo in una fase inter…

Nel giorno delle professioni i f…

Roma, 1° marzo 2012 - Il …

TAC: L'Ist. Tumori di Bari riduc…

L'Istituto Tumori di Bari…

Colesterolo: lo degrada un actin…

[caption id="attachment_7…

Chirurgia: non sempre per un men…

Uno studio dell'Universit…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tamoxifene: studio su interazioni pericolose

Numerosi farmaci interferiscono questo medicinale e ne diminuiscono l’efficacia contro le recidive. Uno studio su Journal of Clinical Oncology

Il carcinoma mammario colpisce una donna su dieci e, per limitare il rischio di recidive, viene prescritto principalmente il tamoxifene. Esistono però numerosi farmaci che diminuiscono la sua efficacia, mettendo in pericolo migliaia di donne inconsapevoli. Uno studio condotto dai ricercatori della Mayo Clinic (Usa) e pubblicato sul Journal of Clinical Oncology aiuta a fare chiarezza e illustra le interazioni più pericolose.

I principi attivi da evitare indicati dai ricercatori statunitensi appartengono a diverse classi di farmaci e, in alcuni paesi, possono essere ottenuti senza ricetta. Si tratta di antidepressivi come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRIs) e della noradrenalina (SNRSs), per esempio la paroxetina, la fluoxetina, il bupropione e la duloxetina; antipsicotici come la tioridazina, la perfenazina e il pimozide; antiritmici e farmaci per il cuore quali la chinidina e la ticlopidina, gli antiinfettivi e gli antistaminici e alcuni calciomimetici.

Questi farmaci impediscono a un particolare enzima – chiamato CYP2D6 – di metabolizzare il tamoxifene e trasformarlo nella sua forma attiva, quella cioè utile nella prevenzione delle recidive. Al loro posto è comunque possibile utilizzare altri medicinali della stessa classe, che però non bloccano l’attività enzimatica.

Riferimenti: doi:10.1200/JCO.2009.23.8931

Galileonet.it

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!