Parkinsonismo grave curato con c…

E' italiano il primo stud…

Depressione: stimolazione cerebr…

Uno studio dimostra che l…

Retina artificiale: progetto in …

Un polimero conduttore è …

'Un Calcio al Diabete': parte la…

Milano, 29 aprile 2011 – …

L'ipnosi in bambini e adolescent…

Acta Biomedica pubblica u…

Cellule staminali: nuova procedu…

Per garantire il successo…

Pediatria: tre parametri per pre…

[caption id="attachment_8…

A PARUZZARO L’OPEN DAY “SALUTE D…

Il 22 ottobre screening g…

Confermata l'inefficacia degli a…

Uno studio europeo su 206…

Defibrillazione atriale senza do…

Presentata la prima evide…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: stimolazione magnetica per migliorarne il decorso

L’applicazione di magneti al cervello puo’ migliorare alcuni sintomi dell’Alzheimer. Lo afferma uno studio italiano pubblicato dal ‘Journal of Neurology, Neurosurgery and Psychiatry’ e ripreso dal quotidiano britannico ‘Independent’. I ricercatori coordinati da Maria Cotelli Maria Cotelli dell’Irccs Centro San Giovanni di Dio Fatebenefratelli hanno studiato 10 pazienti cui e’ stata applicata la stimolazione magnetica transcranica (Tms), una rapida successione di impulsi magnetici, al lobo prefrontale per 25 minuti. Meta’ dei pazienti ha ricevuto il trattamento per cinque giorni a settimana per un mese, mentre l’altra meta’ ha ricevuto un finto trattamento per due settimane seguito da due settimane di Tms.


I pazienti che hanno avuto il trattamento completo hanno mostrato una maggiore comprensione di cio’ che veniva loro detto fino al 77 per cento, un miglioramento ancora visibile dopo 8 settimane. Secondo gli autori il trattamento e’ specifico per questo sintomo, e serviranno altri studi piu’ ampi per confermarlo.salco

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi