Frenare il fenomeno di autofagia

Lo stress si ripercuote s…

Il Presidente della FIMP: “L’inf…

Praga, 10 Maggio 2012 –…

Le leggi che ritardano l’arrivo …

In Italia perdura la prat…

Autismo: il deficit che si può r…

E' possibile rilevare i d…

Vaccino Anti-HPV: raccomandato a…

"Mentre nella donna esist…

Apnea notturna e Alzheimer: qual…

Un nuovo studio trova c…

Precursori dei neuroni da cellul…

Sviluppato un nuovo metod…

Registrate mutazioni del virus H…

Il virus ha fatto registr…

Stress: trovate le molecole resp…

La risposta fisiologica a…

Obiettivo raggiunto per il Proge…

Il Progetto Homeless, ini…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: stimolazione magnetica per migliorarne il decorso

L’applicazione di magneti al cervello puo’ migliorare alcuni sintomi dell’Alzheimer. Lo afferma uno studio italiano pubblicato dal ‘Journal of Neurology, Neurosurgery and Psychiatry’ e ripreso dal quotidiano britannico ‘Independent’. I ricercatori coordinati da Maria Cotelli Maria Cotelli dell’Irccs Centro San Giovanni di Dio Fatebenefratelli hanno studiato 10 pazienti cui e’ stata applicata la stimolazione magnetica transcranica (Tms), una rapida successione di impulsi magnetici, al lobo prefrontale per 25 minuti. Meta’ dei pazienti ha ricevuto il trattamento per cinque giorni a settimana per un mese, mentre l’altra meta’ ha ricevuto un finto trattamento per due settimane seguito da due settimane di Tms.


I pazienti che hanno avuto il trattamento completo hanno mostrato una maggiore comprensione di cio’ che veniva loro detto fino al 77 per cento, un miglioramento ancora visibile dopo 8 settimane. Secondo gli autori il trattamento e’ specifico per questo sintomo, e serviranno altri studi piu’ ampi per confermarlo.salco

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi