Fumo: effetti devastanti sull'in…

[caption id="attachment_8…

Meno rischi di fratture ossee pe…

Le donne di colore o asia…

Farmacisti anche in case di cura…

Per migliorare l’assisten…

Genetica: prima volta due DNA ma…

TERAMO. Nei laboratori de…

Individuate nello spazio due nuo…

[caption id="attachment_1…

Fecondazione assistita e diagnos…

Il giudice Filomena Alban…

AIRC e le arance della salute. S…

Nelle principali piazze i…

Trattamento con steroidi di donn…

Le iniezioni di steroidi…

Cellule staminali contro gravi l…

Lanciata in Cina con succ…

Quando le 'scariche adrenalinich…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Come i virus arrivano al cervello

Bloccare il percorso con cui certi virus, detti ‘neurotropici’, risalgono i neuroni fino al cervello, dove possono causare encefaliti o meningiti. E’ quello che vogliono arrivare a fare Matteo Iannacone e i suoi collaboratori dell’ Harvard Medical School di Boston e del San Raffaele di Milano. Gli scienziati, in particolare, in uno studio pubblicato su Nature sono riusciti a ricostruire tutti i passaggi dall’ingresso del virus nell’organismo al momento in cui invadono il sistema nervoso centrale.

Normalmente, spiegano gli stessi esperti, i virus entrano nell’organismo attraverso la cute o le mucose; prima di raggiungere la circolazione del sangue devono pero’ passare attraverso i linfonodi, che hanno l’ importante compito di bloccare sul nascere le invasioni dei microrganismi e di sviluppare la risposta immunitaria. Proprio analizzando tutti questi passaggi, e grazie a tecnologie d’avanguardia come la ‘microscopia intravitale multifotone’, Iannacone e collaboratori sono riusciti a ricostruire tutti i momenti che portano il virus fino al cervello. L’importanza di questo studio, spiegano i suoi autori, ”e’ nella dimostrazione che i linfonodi sono riccamente innervati e che alcuni virus possono usare questa caratteristica a loro vantaggio per raggiungere il sistema nervoso”. Scoperte importanti affinche’ si scopra anche il modo di bloccare questa diffusione, e che potrebbero avere un forte impatto su molte malattie: tra i virus neurotropici dell’uomo, infatti, ci sono anche quello della rabbia e quello che provoca la febbre del Nilo occidentale.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x