Scottature da sole: individuata …

Una nuova molecola e' sta…

Il mondo 'maschilista' delle dro…

[caption id="attachment_3…

CNR per la Sclerosi Multipla: n…

La riabilitazione compute…

Vespe, moscerini, sviluppo del c…

Per difendersi dalle uova…

Il singolare legame tra narcoles…

L'anello di congiunzione …

Il colore dei capelli 'estratto'…

E' possibile grazie all'i…

Diabete: interventi per ridurre …

Interventi decisi sullo s…

Vendita sigarette elettroniche: …

L'efficacia delle sigaret…

PSA: l'utilita' del test viene s…

[caption id="attachment_6…

Al Quarto World CTC Summit di Be…

Bologna,  24 aprile 2012–…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Come i virus arrivano al cervello

Bloccare il percorso con cui certi virus, detti ‘neurotropici’, risalgono i neuroni fino al cervello, dove possono causare encefaliti o meningiti. E’ quello che vogliono arrivare a fare Matteo Iannacone e i suoi collaboratori dell’ Harvard Medical School di Boston e del San Raffaele di Milano. Gli scienziati, in particolare, in uno studio pubblicato su Nature sono riusciti a ricostruire tutti i passaggi dall’ingresso del virus nell’organismo al momento in cui invadono il sistema nervoso centrale.

Normalmente, spiegano gli stessi esperti, i virus entrano nell’organismo attraverso la cute o le mucose; prima di raggiungere la circolazione del sangue devono pero’ passare attraverso i linfonodi, che hanno l’ importante compito di bloccare sul nascere le invasioni dei microrganismi e di sviluppare la risposta immunitaria. Proprio analizzando tutti questi passaggi, e grazie a tecnologie d’avanguardia come la ‘microscopia intravitale multifotone’, Iannacone e collaboratori sono riusciti a ricostruire tutti i momenti che portano il virus fino al cervello. L’importanza di questo studio, spiegano i suoi autori, ”e’ nella dimostrazione che i linfonodi sono riccamente innervati e che alcuni virus possono usare questa caratteristica a loro vantaggio per raggiungere il sistema nervoso”. Scoperte importanti affinche’ si scopra anche il modo di bloccare questa diffusione, e che potrebbero avere un forte impatto su molte malattie: tra i virus neurotropici dell’uomo, infatti, ci sono anche quello della rabbia e quello che provoca la febbre del Nilo occidentale.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi