Il caffè riduce il rischio di ca…

Bere molte tazzine di caf…

Alzheimer: basso rischio di tumo…

Il rischio di avere un …

Highcare Projects, in un libro 1…

Tre spedizioni in alta …

Tecnica nanoscopica assembla la …

Grazie a una tecnica nano…

Tumori, ridurre progressivamente…

Modulare l'intensita', l'…

Alzheimer: scoperta mutazione ge…

Scoperta una mutazione ge…

Malattie genetiche mitocondriali…

È nel DNA mitocondriale c…

Diabete: l'insulina degludec in …

Nuovi dati presentati all…

Progetto 'Blue Brain': il 2030 s…

[caption id="attachment_7…

Procreazione medicalmente assist…

''In una coppia su due e…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Artrite: il veleno delle api lenisce il dolore, ma spesso la previene

glucocorticoidi

Il veleno delle api puo’ diminuire il dolore dovuto all’artrite e in qualche caso addirittura prevenire la malattia. Lo afferma uno studio dell’Universita’ di San Paolo del Brasile riportata dal ‘Daily Telegraph’, che per la prima volta ha investigato sul principio scientifico alla base di quella che finora era una credenza popolare. I ricercatori hanno testato le proprieta’ del veleno degli insetti su alcuni conigli suscettibili di artrite, dimostrando che questa non si presenta per l’azione di una molecola che stimola la risposta dell’organismo che combatte le infiammazioni.


“Il veleno delle api e’ un mix di diverse sostanze che inducono risposte immunitarie e allergiche negli uomini”, ha spiegato al quotidiano Suzana Beatriz Verissimo de Mello, che ha coordinato la ricerca, “questa sostanza viene usata da centinaia di anni per curare i sintomi dell’artrite. Noi abbiamo dimostrato che a proteggere dall’artrite e’ una sostanza che stimola i glucocorticoidi, che nell’uomo prevengono le infiammazioni”. Una cura a base di punture di api per l’artrite e’ offerta da molti esperti di medicina alternativa, ma finora gli studi scientifici avevano mostrato solo un effetto placebo per questa terapia: “I nostri risultati invece – ha concluso l’esperta – potrebbero servire a sviluppare nuove terapie”.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x