Epatociti ottenuti da cellule st…

Un nuovo metodo per crear…

Donne più vulnerabili allo svilu…

[caption id="attachment_4…

Retinoblastoma: a Siena protocol…

Sta dando risultati posit…

Tumori: dodici consigli per ridu…

Dallo stop al fumo al…

Disfunzione erettile: sei uomini…

Almeno una volta nella vi…

TAKEDA annuncia la disponibilità…

Alogliptin è il primo e u…

Ormone della crescita in eta' ma…

[caption id="attachment_1…

Laser terapia contro fratture e …

[caption id="attachment_9…

Helicobacter pylori: provoca ulc…

[caption id="attachment_2…

HTA: a Bari il programma di form…

Bari, 13 Settembre – Gest…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Artrite: il veleno delle api lenisce il dolore, ma spesso la previene

glucocorticoidi

Il veleno delle api puo’ diminuire il dolore dovuto all’artrite e in qualche caso addirittura prevenire la malattia. Lo afferma uno studio dell’Universita’ di San Paolo del Brasile riportata dal ‘Daily Telegraph’, che per la prima volta ha investigato sul principio scientifico alla base di quella che finora era una credenza popolare. I ricercatori hanno testato le proprieta’ del veleno degli insetti su alcuni conigli suscettibili di artrite, dimostrando che questa non si presenta per l’azione di una molecola che stimola la risposta dell’organismo che combatte le infiammazioni.


“Il veleno delle api e’ un mix di diverse sostanze che inducono risposte immunitarie e allergiche negli uomini”, ha spiegato al quotidiano Suzana Beatriz Verissimo de Mello, che ha coordinato la ricerca, “questa sostanza viene usata da centinaia di anni per curare i sintomi dell’artrite. Noi abbiamo dimostrato che a proteggere dall’artrite e’ una sostanza che stimola i glucocorticoidi, che nell’uomo prevengono le infiammazioni”. Una cura a base di punture di api per l’artrite e’ offerta da molti esperti di medicina alternativa, ma finora gli studi scientifici avevano mostrato solo un effetto placebo per questa terapia: “I nostri risultati invece – ha concluso l’esperta – potrebbero servire a sviluppare nuove terapie”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi