Tumore alle ovaie: spiegati i me…

Uno studio condotto da ri…

La complessa struttura di una ce…

La vita è più complessa d…

La dieta mediterranea per le don…

Migliore salute e vita pi…

Ictus: un nemico speciale per le…

29 OTTOBRE 2014 LA GIORN…

Cellule muscolari ottenute da st…

Scoperta una nuova strate…

DNA sintetico alternativo: l'XNA

Per la prima volta si è r…

Cancro al colon: scoperto gene c…

Si chiama GSK 3B (Gly…

Leucemia: un marker predittivo d…

I ricercatori canadesi de…

Lo stafilococco, ecco come infet…

Un team di ricercatori d…

Asparagi disintossicanti per il …

Troppo alcol durante le f…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fecondazione assistita: arriva il super-seme

Sono veri e propri ‘superspermatozoi’, o meglio spermatozoi ‘superselezionati’, e utilizzando solo loro nella fecondazione assistita, oltre alla sostanziale certezza del buon esito (99% di efficacia) si dimezza il rischio di malformazioni del nascituro rispetto alle nascite naturali. E’ il frutto della nuova tecnica IMSI (Intra morfologic sperm injection), che Severino Antinori, presidente della Warm, presentera’ oggi al Congresso mondiale sull’infertilita’ maschile in corso a Roma. Il segreto e’ in un ingrandimento-record al microscopio, che consente di scovare i piu’ piccoli difetti degli spermatozoi in esame e selezionare solo il meglio del meglio.

“Con questa tecnica – spiega Antinori – riusciamo a ingrandire lo spermatozoo di 10.000 volte, e scegliamo quello con le migliori condizioni morfologiche, sia nella testa che nella coda”. La tecnica, di cui Antinori e il suo team sono gli inziatori nel mondo insieme agli israeliani dell’universita’ di Tel Aviv, funziona: “In Italia ho gia’ fatto nascere 300 bambini cosi’ – spiega Antinori – e a livello internazionale, su 1.000 casi in tutto, le malformazioni sono state appena l’1% del totale, contro il 2% che esiste in natura e il 4% delle tradizionali tecniche di fecondazione assistita”. Unico problema, le accuse di “eugenetica”, che pero’ non sfiorano Antinori: “Alcuni media internazionali, ovviamente di matrice cattolica, ci accusano di fare selezione genetica. Ma noi non scegliamo gli spermatozoi per creare bambini biondi e con gli occhi azzurri, ma solo per utilizzare quelli piu’ idonei alla fecondazione assistita. Poi se il bambino e’ bello o brutto, lo decide la natura”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi