Innovazione in campo nutrizional…

Il test genetico e l’inte…

Diabete: quali sono i legami con…

Ci sarebbe un legame tra …

Arriva il contraccettivo dei cin…

[caption id="attachment_8…

Il meccanismo che decide la fine…

I ricercatori del Sanford…

Carenza di ferro e anemia: nel m…

Diete sbagliate e disturb…

Il colore dei capelli 'estratto'…

E' possibile grazie all'i…

Il Consiglio di Stato conferma c…

Roma, 11 marzo 2013 - “Fa…

Cervello: la precarietà della ma…

L'instabilita' della …

Quando il dentista è in vacanza …

Dal dottor Marco Turc…

Scoprire e trattare l’intolleran…

Milano, 16 dicembre 2013 …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

I suoni si fissano al cervello e rimangono indelebili

La consolante voce della mamma, ma anche un suono considerato sgradevole, sono indelebili. Non solo. ‘Melodie’ e rumori, con le sensazioni che le accompagnano, si apprendono facilmente e rapidamente. I suoni, infatti, si fissano subito nel cervello e il loro ricordo non si cancella. Lo conferma uno studio realizzato Trevor Agus e Simon Thorpe, delle università Paris-Descartes e Toulouse 3, e pubblicato su Neuron. Come i profumi, ciò che si sente può essere fastidioso o piacevole perché viene immediatamente associato alla sensazione del primo ascolto. I ricercatori, inoltre, hanno dimostrato che i ricordi dei rumori vengono registrati in maniera quasi perfetta rimanendo chiarissimi per settimane.

Per scoprirlo gli scienziati hanno arruolato gruppi di volontari, sottoposti a test di ascolto. Si trattava di suoni imprevedibili, senza significato, intervallati da un motivo sonoro ripetitivo. I volontari, praticamente senza errori, sono riusciti a distinguere i temi ripetitivi dopo aver ascoltato appena due volte le sequenze. Lo studio potrebbe essere utile per chi ha problemi di udito nella fase di rieducazione uditiva.
ADN Kronos – salute

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!