Scoperto il punto debole delle c…

LE CELLULE tumorali hanno…

HIV: pandemia che parte dal Cong…

Nuovi studi datano la dif…

Influenza A: ogni anno vaccino d…

-Il vaccino contro l'infl…

Il ruolo dell'ossitocina nel rap…

Il neurotrasmettitore oss…

Mutazioni geniche espongono donn…

[caption id="attachment_9…

Sindrome del vichingo, descritta…

Un gruppo di ricercatori …

Insonnia negli anziani: ingialli…

È tipico di chi è un po' …

HIV, sono oltre tre milioni i ba…

L'infezione da HIV nel mo…

Cheratoplastica ottimale anche i…

E' arrivata anche in Ital…

Asma: nelle donne di mezza età d…

Bassi livelli sierici di …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Acido ialuronico e alzheimer: non solo ‘spianarughe’

Spopola fra le donne per il suo potere spiana-rughe e rimpolpa-labbra. Ma l’acido ialuronico, noto piu’ per le sue imprese estetiche, ha anche un’altra faccia: e’ amico della memoria, prima ancora della bellezza. A dimostrare il suo ruolo strategico nei meccanismi alla base della memoria a breve e lungo termine e’ uno scienziato dell’Istituto italiano di tecnologia, Alexander Dityatev, senior researcher del dipartimento di Neuroscience and brain technologies. Il ricercatore e’ autore di uno studio pubblicato sulla rivista internazionale di neuroscienze Neuron, e condotto in collaborazione con l’University College of London, la Rutgers University e le universita’ di Amburgo e Washington.

L’acido ialuronico (Ha), spiegano gli scienziati in una nota, e’ il componente primario della matrice extracellulare che circonda le cellule dando loro supporto strutturale, e gioca un ruolo importante nella regolazione della plasticita’ sinaptica dell’Ippocampo, la porzione del cervello dedicata alla memoria. La plasticita’ sinaptica, cioe’ la capacita’ del cervello di adattarsi agli stimoli provenienti dall’ambiente esterno, e’ alla base della memoria a breve e lungo termine, e si concretizza nella capacita’ delle connessioni neuronali di adattarsi in risposta al tipo di stimolo ricevuto. I ricercatori hanno scoperto che, rimuovendo l’acido ialuronico risultano compromessi sia la plasticita’ sinaptica, sia la memoria a lungo termine. Ma problemi si verificano anche quando questa sostanza e’ presente in eccesso. “In base a questa scoperta – spiegano gli esperti – e’ plausibile pensare che un eccesso dell’acido ialuronico nella matrice extracellulare possa scatenare forme patologiche di plasticita'”. Infatti, la malattia di Alzheimer, l’epilessia e la sclerosi multipla sono patologie in cui si verifica un aumento della quantita’ dell’acido ialuronico presente nel sistema nervoso.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!