Tumori della pelle: la Roche ric…

La Roche ha presentato al…

Fecondazione Eterologa: Raggiunt…

“Adesso è ufficiale. Sono…

Merck Serono: nuove sfide per la…

Roma, Italia, 02 apri…

Da Bergamo uno studio innovativo…

[caption id="attachment_7…

Allarme merenda, per 6 esperti s…

La merenda giusta per i b…

Lo stato di invecchiamento di un…

L’osservazione dello stat…

Scienziati mettono in guardia da…

Nuove scoperte fatte da u…

Gioco di donna: gli ormoni la re…

Stregato dall’ormone. Ecc…

Fumo in gravidanza: mina la futu…

Esporre il feto al fu…

Premio Nobel per la Chimica 2016…

Il riconoscimento ai tre …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epoetina Teta in italia, contro anemia renale o associata a chemio

ARRIVA IN ITALIA EPOETINA TETA PER LA CURA
DELL’ANEMIA RENALE O ASSOCIATA A CHEMIOTERAPIA

Nato dalla Ricerca e Sviluppo ratiopharm, il nuovo farmaco biotech Eporatio® consente un’unica somministrazione settimanale e una riduzione del 25% nel dosaggio rispetto a epoetina beta, con indubbi vantaggi per i pazienti e un risparmio sui costi della terapia. Gli studi clinici ne hanno confermato efficacia e sicurezza


Milano, 23 luglio 2010 – Un’efficacia dimostrata già a bassi dosaggi, con la comodità di una sola somministrazione alla settimana, per via sottocutanea. Sono questi i vantaggi che offre epoetina teta (Eporatio®), un nuovo farmaco sviluppato e prodotto da ratiopharm, nel moderno stabilimento biotecnologico di ULM, Headquarter della multinazionale tedesca.

Eporatio®, la nuova eritropoietina disponibile da pochi giorni anche in Italia, ha ricevuto a ottobre 2009 l’approvazione dell‘EMA per tutti i Paesi UE ed è indicata per il trattamento dell’anemia associata a chemioterapia e dell’anemia renale, nei pazienti in predialisi e dialisi. Ottenuta mediante la tecnologia del DNA ricombinante, epoetina teta agisce nell’organismo in modo analogo all’eritropoietina umana, l’ormone secreto dai reni per stimolare la produzione di globuli rossi.

L’autorizzazione all’immissione in commercio è stata concessa dall’Autorità regolatoria europea sulla base dei risultati positivi degli studi clinici di confronto tra epoetina teta ed epoetina beta, nelle due indicazioni principali. Dai trial è emerso che i due farmaci sono ugualmente efficaci; la terapia con Eporatio® si è inoltre rivelata sicura e non ha dato problemi di immunogenicità.
Negli studi condotti su oltre 500 pazienti oncologici con anemia, in corso di trattamento chemioterapico, i ricercatori hanno utilizzato per epoetina teta un nuovo schema posologico, partendo con una dose d’attacco più bassa, pari a 20.000 UI a settimana per il primo mese, e aumentando successivamente il dosaggio a 40.000 UI, solo se il paziente non rispondeva alla terapia. Questo protocollo ha consentito di ridurre di circa il 25% la quantità di farmaco somministrata ai pazienti, rispetto al gruppo trattato con epoetina beta.

Nel trattamento dell’anemia renale, Eporatio® è stato studiato su più di 1.000 pazienti: per somministrazione sottocutanea nei pazienti non ancora dializzati e per somministrazione endovenosa in quelli in emodialisi. Nella prima fase degli studi, cosiddetta “di correzione”, il farmaco si è dimostrato molto efficace nei soggetti non trattati in precedenza con altre epoetine. Nella fase di mantenimento, è stato possibile trasferire i pazienti da una terapia con epoetina beta a una con epoetina teta a parità di efficacia e mantenendo il medesimo dosaggio.

Altri studi hanno indagato la sicurezza di epoetina teta in trattamenti a lungo termine, fino a 15 mesi, nell’indicazione dell’anemia renale in pazienti in predialisi o in emodialisi. I risultati ottenuti sono stati molto positivi, con livelli di emoglobina stabili: in entrambe le categorie di pazienti, si è potuto mantenere costante il dosaggio per un periodo di trattamento prolungato, senza perdere in efficacia.

Sia nei pazienti oncologici che in quelli con anemia renale, epoetina teta è stata approvata anche per somministrazione sottocutanea, contrariamente alle epoetine biosimilari alfa e zeta, che nell’anemia renale non vantano al momento questa via di somministrazione. Può inoltre essere iniettata sottocute una sola volta a settimana, garantendo la stessa efficacia della somministrazione trisettimanale, con un beneficio in termini di compliance per il paziente e di riduzione dei costi associati alla terapia.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!