Avocado, uno al dì, per mantener…

Un avocado al giorno lev…

Boehringer Ingelheim e Ashoka Ch…

Washington, DC e Inge…

Pediatria: no ai mucolitici sott…

La Societa' Italiana di P…

Colesterolo cattivo e malattie c…

Previene le problematiche…

Dolore cronico: siglata una nuov…

I rappresentanti dell’ass…

Crostacei e frutti di mare, font…

Riserva di iodio cont…

Epidemie di allergie su cui sta …

Sei allergico ad alcuni a…

Ustekinumab: nuovi risultati di …

I benefici di ustekinumab…

Malattie rare: solo quelle endoc…

Roma, 6 feb 2014 - La SIE…

Noci aiutano a migliorare la qua…

Dalle noci 'aiutino' agli…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Eseguiti i primi trapianti di trachea a Firenze

Eseguiti a Firenze dall’equipe guidata dal chirurgo Paolo Macchiarini i primi due trapianti di trachea in soggetti affetti da tumore maligno tracheale.
Gli interventi, gli unici al mondo di questo genere, sono avvenuti il 6 e il 13 luglio scorsi. Il decorso delle due pazienti, la prima di circa 30 anni di nazionalita’ Ceca e la seconda di circa 20 anni inglese, e’ stato privo di complicazioni. Le due donne sono in fase di dimissione dall’ospedale e le loro condizioni sono attualmente soddisfacenti.

E’ la prima volta che si sperimenta questa chirurgia per la cura del carcinoma della trachea, resa possibile dalla tecnica di preparazione delle trachee bioingegnerizzate da donatore, gia’ messa a punto da Macchiarini in precedenti interventi non oncologici.
La tecnica consiste nell’eliminazione di tutte le cellule viventi del donatore dalla trachea per predisporre una struttura inerte su cui inserire cellule staminali prelevate dai pazienti riceventi, poco prima dell’intervento, con l’aggiunta di fattori di crescita. Questo evita il rigetto e consente, nei mesi successivi, la rigenerazione delle trachea grazie ai naturali processi riparativi dell’organismo in cui e’ stata impiantata.
I due interventi sono durati oltre 10 ore ciascuno e hanno coinvolto circa 40 persone. Fra le particolari innovazioni utilizzate in questi interventi c’e’ l’inserimento all’interno delle trachee trapiantate di protesi innovative.
Sono cilindri fatti su misura con una sorta di maglia riassorbibile in circa tre mesi dall’operazione. Le protesi sono necessarie a sorreggere dall’interno le trachee favorendo il processo di rigenerazione della mucosa.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x