Obesita': il metabolismo cellula…

[caption id="attachment_5…

I disegni infantili predicono in…

Il disegno dell'immagine …

L'incredibile organizzazione dei…

[caption id="attachment_9…

Nuova opportunità terapeutica pe…

PROGRESSI DELLA TERAPIA…

“Strage da plasma derivati”: il …

Roma, 11 luglio 2014. Il …

Cocktail di aminoacidi allunga v…

[caption id="attachment_9…

Sclerosi Multipla e CCSVI: al vi…

È partito anche a Reggio …

Nuova SARS: molecola impedisce l…

Alcuni scienziati della F…

Pediatria: danni da patologie in…

[caption id="attachment_8…

HIV: più esposte le donne che us…

Le donne che fanno uso de…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Eseguiti i primi trapianti di trachea a Firenze

Eseguiti a Firenze dall’equipe guidata dal chirurgo Paolo Macchiarini i primi due trapianti di trachea in soggetti affetti da tumore maligno tracheale.
Gli interventi, gli unici al mondo di questo genere, sono avvenuti il 6 e il 13 luglio scorsi. Il decorso delle due pazienti, la prima di circa 30 anni di nazionalita’ Ceca e la seconda di circa 20 anni inglese, e’ stato privo di complicazioni. Le due donne sono in fase di dimissione dall’ospedale e le loro condizioni sono attualmente soddisfacenti.

E’ la prima volta che si sperimenta questa chirurgia per la cura del carcinoma della trachea, resa possibile dalla tecnica di preparazione delle trachee bioingegnerizzate da donatore, gia’ messa a punto da Macchiarini in precedenti interventi non oncologici.
La tecnica consiste nell’eliminazione di tutte le cellule viventi del donatore dalla trachea per predisporre una struttura inerte su cui inserire cellule staminali prelevate dai pazienti riceventi, poco prima dell’intervento, con l’aggiunta di fattori di crescita. Questo evita il rigetto e consente, nei mesi successivi, la rigenerazione delle trachea grazie ai naturali processi riparativi dell’organismo in cui e’ stata impiantata.
I due interventi sono durati oltre 10 ore ciascuno e hanno coinvolto circa 40 persone. Fra le particolari innovazioni utilizzate in questi interventi c’e’ l’inserimento all’interno delle trachee trapiantate di protesi innovative.
Sono cilindri fatti su misura con una sorta di maglia riassorbibile in circa tre mesi dall’operazione. Le protesi sono necessarie a sorreggere dall’interno le trachee favorendo il processo di rigenerazione della mucosa.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x