#Tumori: gli esperti puntano sui…

I nanofarmaci hanno migli…

Bibite gassate: a New York non s…

I limiti salutisti al con…

Da Palermo la proposta di ‘Anemi…

Professori, medici spec…

Lo zucchero abbassa i livelli de…

[caption id="attachme…

Sanità: Pensare al futuro oltre …

Milano, 13 maggio 2013 …

Tumori: scoperto un gene chiave …

Un gruppo di scienziati a…

Gli integratori e il benessere d…

Germano Scarpa, Preside…

Virtu' anti-obesita' delle prote…

[caption id="attachment_6…

Oppioidi ingegnerizzati: modific…

I GENI del papavero da op…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il meccanismo di azione dei farmaci contro l’insulino-resistenza

Identificato un meccanismo del tutto nuovo con il quale la proteina denominata PPAR-gamma è in grado di controllare la sensibilità all’insulina dell’intero organismo

Una nuova comprensione del meccanismo di azione di due comuni farmaci contro l’insulino-resistenza – la condizione patologica che prelude al diabete – è stata raggiunta dai ricercatori del Dana-Farber Cancer Institute e dello Scripps Research Institute, e viene descritta sulle pagine della rivistaNature.

I farmaci come il rosiglitazone e il pioglitazone sono ampiamente utilizzati per contrastare le anomalie di risposta all’insulina legate all’obesità che possono portare al diabete conclamato. Essi agiscono su una proteina denominata PPAR-gamma, primariamente presente nelle cellule adipose, che è implicata nella regolazione dei geni coinvolti nella risposta all’insulina.

L’obesità, frutto di una dieta ad alto contenuto di grassi, altera la funzione della PPAR-gamma e l’espressione degli stessi geni. Il rosiglitazone e il pioglitazone agiscono legandosi alla PPAR-gamma e contrastando i cambiamenti nell’espressione genica.

Finora tuttavia si riteneva che i farmaci funzionassero stimolando – secondo un effetto agonista – il recettore per la PPAR-gamma, determinando così un aumento dell’espressione di alcuni geni e inibendo l’attività di altri.

In questo nuovo studio, i ricercatori spiegano di aver identificato un “meccanismo del tutto nuovo con il quale la PPAR-gamma è in grado di controllare la sensibilità all’insulina dell’intero organismo”.

È principalmente tramite questo meccanismo, ritengono gli autori, che i farmaci contrastano l’insulino-resistenza, e non con un effetto agonistico sul PPAR-gamma. Quest’ultimo, per contro, sarebbe in gran parte responsabile degli effetti collaterali dei farmaci.

Il nuovo cammino biochimico che collega obesità e risposta insulinica coinvolge la cdk5, una chinasi proteica che funziona da interruttore molecolare. Quando  è attivata dallo sviluppo dell’obesità nel topo, la cdk5 determina un cambiamento chimico della PPAR-gamma noto come fosforilazione. A differenza dell’agonismo della PPAR-gamma, la fosoforilazione ha un effetto molto mirato, disturbando un piccolo insieme di geni che portano all’insulino-resistenza.

Oltre che tramite l’effetto agonista con la PPAR-gamma, i due farmaci bloccano anche la fosoforilazione della PPAR-gamma da parte della cdk5. Ed è proprio ques’ultimo effetto che rende conto della maggior parte dei benefici dell’antidiabetico, concludono gli autori: “l’agonismo potrebbe non essere necessario dal punto di vista terapeutico e probabilmente dà luogo a numerosi effetti tossici”.

1
Lascia una recensione

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Amelia Cucca Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Amelia Cucca
Ospite
Amelia Cucca

Ho 64 anni , sono alta 1 metro e 52 cmm. e peso 70 kg. mangio pochissimo eppure non riesco a dimagrire. Le analisi sul funzionamento della tiroide sono nella norma. Anche la glicemia a digiuno è vicino al limite massimo di 110 , un po di meno o un po di più. L’emoglobina glicosilata ha valori leggermente superiori alla norma. Penso di essere insulinoresistente, che farmaco potrei prendere per rendere normale l’utilizzo dell’insulina, prima che il mio pancreas non riesca più a produrla?

Archivi