L'importanza delle tecniche di i…

Al via a Napoli la XII ed…

AIDS: messa a punto una sostanza…

Messa a punto una sostanz…

Geni zombi che si risvegliano pr…

[caption id="attachment_8…

Contro obesità scoperta una cell…

Un borsista di ricerca Ma…

Tumore del polmone: un gene, se …

[caption id="attachment_7…

Mammografia e densita' mammograf…

[caption id="attachment_7…

Arriva in Italia il primo spray …

6 pazienti su 10 ci convi…

"Cintura dializzante": il futuro…

[caption id="attachme…

Trombosi venosa: medici avverton…

La trombosi venosa profon…

Mappate le complesse connessioni…

Definita per la prima…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Con l’epidurale si riducono i danni al pavimento pelvico

L’epidurale al momento del parto protegge alcuni muscoli ed evita il rischio di incontinenza della mamma a qualche anno dalla nascita del figlio. Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista Bjog effettuato su 400 pazienti. Secondo i ricercatori una donna su dieci che partorisce per via naturale ha qualche trauma dei muscoli della zona pelvica, una percentuale che sale a una su tre nel caso sia necessario il ‘forcipe’ durante il parto.

Questi traumi possono dar vita al prolasso degli organi, che causa diversi problemi tra cui l’incontinenza, che di solito vengono curati con un’operazione chirurgica. Delle 367 pazienti studiate dagli esperti della Nepean Clinical School of Medicine di Sydney tra il 2006 e il 2008, un terzo ha avuto un parto cesareo. Tra le restanti, il 13 per cento ha sofferto di qualche trauma muscolare: due terzi di queste non avevano avuto l’epidurale. “Ci sono due possibili spiegazioni – scrivono gli esperti – da una parte le donne che hanno fatto l’epidurale spingono solo quando viene detto loro di farlo, e quindi si evita il rischio che lo facciano troppo o troppo presto. Dall’altra potrebbero essere coinvolti dei veri e propri cambiamenti fisici nei muscoli provocati dal farmaco”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi