Forum Nazionale Associazioni Nef…

“I nefropatici campani pa…

Health Technology Assessment: a …

Milano, 17 maggio – Fa ta…

Vitiligine: le terapie chirurgic…

Si affinano i trattamenti…

Malattie genetiche: argomento ch…

Alcuni dei migliori ricer…

Fumo e sigarette: l'UE approva r…

Un disegno di legge per r…

Trichomonas vaginalis: il nesso …

Il microrganismo favorire…

Al via la vaccinazione anti HPV!

[caption id="attachment_1…

Esercizio fisico: quando è tropp…

Due studi suggeriscono ch…

Anestesia totale: negli anziani …

L'esposizione all'an…

Il ritalin nella sindrome da ipe…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Infarto: abbassare la temperatura corporea in soggetti colpiti aumenta sopravvivenza

Abbassare la temperatura corporea di pazienti colpiti da infarto aumenta del 25 per cento le loro possibilita’ di sopravvivenza. Lo rivelano i risultati di uno studio condotto dai medici dell’Universita’ di Lund in Svezia che sono stati pubblicati sulla rivista Circulation-Cardiovascular Intervention. I ricercatori svedesi hanno infatti potuto osservare che la riduzione della temperatura corporea dei pazienti colpiti da infarto acuto al miocardio, permetteva di ridurre i danni prodotti al muscolo cardiaco di almeno un terzo, rispetto ai pazienti trattati con la sola angioplastica.

Per ottenere questi risultati i medici svedesi praticano delle iniezioni di sluzione salina nelle vene del braccio e dell’inguine dei pazienti. “Siamo rimasti davvero impressionati – ha spiegato David Erlinge, principale autore della ricerca – dai risultati ottenuti. In pratica in questo modo riusciamo a evitare che l’infarto danneggi tutto il muscolo cardiaco, permettendo cosi’ ai nostri pazienti di recuperare al meglio le loro condizioni di salute, anche dopo episodi piuttosto importanti”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x