A Gropello Cairoli, appuntamento…

Prosegue il programma d…

Dal Carlo Besta di Milano partir…

[caption id="attachment_6…

Come scongelare meglio gli sperm…

[caption id="attachment_8…

Europa unanime nel rimuovere gli…

La direttiva votata oggi …

Batteri probiotici e formaggi: u…

[caption id="attachment_8…

Lupus Eritematoso Sistemico: il …

Il mal di testa e' un si…

Piccola molecola di RNA sintetic…

[caption id="attachment_6…

[ASCA] Sifilide: aumenta fino a …

Un soggetto affetto da ma…

Tumori e alimentazione: le propr…

[caption id="attachment_5…

La glicirrizina (liquirizia) con…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Infarto: abbassare la temperatura corporea in soggetti colpiti aumenta sopravvivenza

Abbassare la temperatura corporea di pazienti colpiti da infarto aumenta del 25 per cento le loro possibilita’ di sopravvivenza. Lo rivelano i risultati di uno studio condotto dai medici dell’Universita’ di Lund in Svezia che sono stati pubblicati sulla rivista Circulation-Cardiovascular Intervention. I ricercatori svedesi hanno infatti potuto osservare che la riduzione della temperatura corporea dei pazienti colpiti da infarto acuto al miocardio, permetteva di ridurre i danni prodotti al muscolo cardiaco di almeno un terzo, rispetto ai pazienti trattati con la sola angioplastica.

Per ottenere questi risultati i medici svedesi praticano delle iniezioni di sluzione salina nelle vene del braccio e dell’inguine dei pazienti. “Siamo rimasti davvero impressionati – ha spiegato David Erlinge, principale autore della ricerca – dai risultati ottenuti. In pratica in questo modo riusciamo a evitare che l’infarto danneggi tutto il muscolo cardiaco, permettendo cosi’ ai nostri pazienti di recuperare al meglio le loro condizioni di salute, anche dopo episodi piuttosto importanti”.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x