Autismo: nuovo farmaco per incen…

Un farmaco usato per …

Alla scoperta del sistema immuni…

Un nuovo studio indica ch…

Mirtillo rosso, efficace nella p…

Il mirtillo rosso, antico…

Università Bicocca, educazione a…

Nell’anno accademico 2016…

Herpes simplex: epidemia globale…

L'infezione dal virus he…

Il gene TERC causa dell'invecchi…

[caption id="attachment_5…

Perché il resveratrolo fa bene a…

Scienziati hanno scoperto…

Obesità: in un futuro prossimo s…

Vaccini e antibiotici, ch…

Cellule staminali contro danni c…

Agiscono come un mini 'ki…

Vino e scienza: svelato il DNA d…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Infarto: abbassare la temperatura corporea in soggetti colpiti aumenta sopravvivenza

Abbassare la temperatura corporea di pazienti colpiti da infarto aumenta del 25 per cento le loro possibilita’ di sopravvivenza. Lo rivelano i risultati di uno studio condotto dai medici dell’Universita’ di Lund in Svezia che sono stati pubblicati sulla rivista Circulation-Cardiovascular Intervention. I ricercatori svedesi hanno infatti potuto osservare che la riduzione della temperatura corporea dei pazienti colpiti da infarto acuto al miocardio, permetteva di ridurre i danni prodotti al muscolo cardiaco di almeno un terzo, rispetto ai pazienti trattati con la sola angioplastica.

Per ottenere questi risultati i medici svedesi praticano delle iniezioni di sluzione salina nelle vene del braccio e dell’inguine dei pazienti. “Siamo rimasti davvero impressionati – ha spiegato David Erlinge, principale autore della ricerca – dai risultati ottenuti. In pratica in questo modo riusciamo a evitare che l’infarto danneggi tutto il muscolo cardiaco, permettendo cosi’ ai nostri pazienti di recuperare al meglio le loro condizioni di salute, anche dopo episodi piuttosto importanti”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!