Vescica iperattiva: efficace la …

Contro la sindrome de…

Tornare ad amare dopo il tumore …

L’ uro- andrologia chiru…

Fibrosi cistica: tessuto polmona…

Un tessuto polmonare colt…

Cancro: nuovi antitumorali estra…

I ricercatori del MIT (Ma…

Approvato in Europa un nuovo tes…

[caption id="attachme…

Quando un semplice esame del san…

[caption id="attachme…

Aids: vaccino preventivo accumul…

Lo studio ha dimostrato u…

"Nuovi anticoagulanti orali: in…

Sintesi interventi relato…

Maculopatia trattata con cellule…

L'uso di staminali ricava…

SIPPS, integrazione e disabilità…

Roma, 5 aprile 2013 – Il …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore al seno: fumo e recettori nicotinici in esubero con conseguenti neoplasie

Nelle cellule cancerose risultano notevolmente sovraespressi i recettori nicotinici nAChR, e in misura ancora maggiore nelle cellule di tumori in fase avanzata.

È ben noto come l’assunzione di nicotina porti al fenomeno della dipendenza da questa sostanza in virtù del legame che instaura con il recettore dell’acetilcolina (nAchR). Tale legame è in grado anche promuovere l’insorgenza del tumore del seno, come mostra una ricerca pubblicata online sul Journal of the National Cancer Institute.

Il fumo di sigaretta è stato riconosciuto come fattore di rischio per un’ampia gamma di neoplasie, e in particolare per il tumore della mammella; tuttavia finora erano state tirati in causa componenti diversi del tabacco.

Per determinare l’effetto di promozione della carcinogenesi della nicotina, Yuan-Soon Ho, ricercatore della Taipei Medical University, e colleghi hanno analizzato 276 campioni di tessuto tumorale per verificare se sottounità del recettore nicotinico nAChR fossero sovra-espresse nelle cellule di tumore del seno rispetto a quelle normali circostanti.

I ricercatori hanno trovato come nelle cellule di tumore della mammella fossero notevolmente sovra-espresse le subunità alfa-9 dell’nAChR (α9-nAchR), e che tale espressione risultava relativamente più alta nei tumori in fase avanzata rispetto a quelli in fase iniziale.

Negli esperimenti di laboratorio si è riscontrato inoltre come con la riduzione dei livelli di α9-nAchR risulti inibita la crescita tumorale, mentre il loro incremento o il trattamento delle cellule tumorali con nicotina promuova lo sviluppo di caratteristiche cancerose.

Secondo il commento degli autori: “I risultati implicano che i segnali cancerogeni mediati da recettore rivestono un ruolo decisivo nelle funzioni biologiche collegate allo sviluppo del tumore della mammella nell’essere umano.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: