Storie di uomini e batteri: l'in…

La composizione e la funz…

Schizofrenia e DNA spazzatura, s…

Alcune sequenze di Dna, r…

Interazioni geni - ambiente: equ…

[caption id="attachment_1…

Botox, viaggia per il corpo dopo…

L’utilizzo delle iniezion…

L'integrita' della pelle e' il p…

Qualcuno la definisce un’…

AIDS: sarà italiana una cura che…

Studiando scimmie infetta…

Lo stress cronico: quali geni de…

Lo stress cronico blocca …

Genetica e asma: riflessioni

[caption id="attachment_1…

Conferma dallo studio tides-acs …

Barcellona, 30 agosto 201…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ipertrigliceridemia: alla base un cocktail di varianti geniche

Rari “refusi” presenti in alcuni geni e variazioni genetiche comuni e già conosciute di altri pezzi di Dna: sarebbe questo inedito insieme a dar vita al corredo genetico che contraddistingue i soggetti affetti da ipertrigliceridemia (in inglese hypertriglyceridemia, HTG), una condizione provocata da un aumento dei livelli di trigliceridi nel sangue che accresce il rischio di incorrere in malattie cardiache e ictus e che risulta strettamente collegata anche a obesità, diabete di tipo 2 e pancreatite. La scoperta dell’assortimento genetico, pubblicata su Nature Genetics, è stata realizzata dagli studiosi del Robarts Research Institute dell’Università del Western Ontario (Canada) guidati da Robert Hegele e servirà, spiegano i ricercatori, come punto di riferimento per lo studio di trattamenti migliori contro la patologia.

“Per noi studiosi risulta molto istruttivo aver trovato che a essere responsabile dei trigliceridi elevati non sia un solo gene, piuttosto un mosaico di variazioni genetiche rare e comuni – spiega Hegele -. Significa che per ottenere un quadro completo del rischio genetico di un paziente è necessario considerare contemporaneamente tanto le variazioni genetiche comuni, quanto i ‘refusi’ più rari, e di utilizzare metodi in grado di rilevare entrambi i tipi di variazioni”. (ASCA)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi