Merck Serono completa l'arruolam…

Merck Serono completa l…

Cocaina: potrebbe essere una pre…

I risultati dello studio …

Tumore al seno: anche prima dei …

Una nuova analisi condott…

Vitiligine: efficace l'autotrapi…

[caption id="attachment_6…

Fu il plancton a contribuire sos…

Il plancton fornì un cont…

Fibromialgia: terapia psicologic…

Un intervento psicologico…

Ecolocalizzazione: potremmo vede…

[caption id="attachment_1…

Journal of Clinical Oncology: l’…

La pubblicazione, su un…

AiDS: un farmaco anti-rigetto st…

Una nuova ricerca pubblic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: buone dosi di vitamina B per ridurre l’atrofizzazione del cervello

Forti dosi quotidiane di vitamina B possono dimezzare l’atrofizzazione del cervello negli anziani con problemi di memoria rallentando e in un qualche caso bloccando la loro progressione verso l’Alzheimer. E’ quanto hanno appurato i ricercatori di Oxford al termine di uno studio di due anni sugli effetti della vitamina B sui cosiddetti pazienti affetti da “indebolimento cognitivo medio”, uno dei piu’ grandi fattori di rischio per lo sviluppo dell’Alzheimer.


“L’indebolimento cognitivo medio” (Mci) colpisce il 16% degli over 70 ed e’ caratterizzata da leggeri problemi di perdita di memoria, difficolta’ ad articolare le parole e altri funzioni mentali. Il 50% di quanti sono affetti da Mci sono destinati a sviluppare l’Alzheimer entro 5 anni, una malattia, priva di cure, di cui soffrono circa 26 milioni di persone del mondo. I ricercatori britannici hanno somministrato a 168 volontari affetti da Mci una pillola con forti dosi di vitamina B6, B12 e acido folico, e ad altri un placebo. Queste vitamine sono note per controllare i livelli di un aminoacido, l’Omocisteina, che ad alti livelli e’ legato ad un forte rischio di sviluppare l’Alzheimer.
In realta’ piu’ che una semplice pillola di vitamina B il farmaco fornito alle ‘cavie’, il “TrioBe Plus”, contiene circa 300 volte la dose giornaliera raccomandata di vitamina B12, 4 volte quella di acido folico e 15 volte quella di B6. I risultati, pubblicati su Public Library of Science (PLoS) One, dimostrano che in media il cervello di quanti hanno seguito il trattamento ipervitaminico si e’ rimpicciolito dello 0,76% all’anno, contro l’1,08% di coloro cui e’ stato somministrato il placebo. (AGI) .

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!