Sindrome di Lowe: chiarito il me…

Chiarito uno dei meccanis…

Tumori: colesterolo "traghettato…

Zattere di colesterolo…

Premiate le foto vincitrici del …

Centinaia gli iscritti al…

Ebola, l'OMS dichiara sottovalut…

Almeno 1069 morti in Afri…

Delusioni amorose: esseri umani …

Gli esseri umani sono pro…

Cortisone: aumenta i rischi di p…

Un nuovo studio dello sve…

Asma: quanto incide il rapido sv…

I neonati che crescono pi…

Nanomagneti ad effetto 'microond…

[caption id="attachme…

Lifting senza cicatrici: stamina…

[caption id="attachme…

Da allevamenti cinesi arrivano s…

L'uso incontrollato di an…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: buone dosi di vitamina B per ridurre l’atrofizzazione del cervello

Forti dosi quotidiane di vitamina B possono dimezzare l’atrofizzazione del cervello negli anziani con problemi di memoria rallentando e in un qualche caso bloccando la loro progressione verso l’Alzheimer. E’ quanto hanno appurato i ricercatori di Oxford al termine di uno studio di due anni sugli effetti della vitamina B sui cosiddetti pazienti affetti da “indebolimento cognitivo medio”, uno dei piu’ grandi fattori di rischio per lo sviluppo dell’Alzheimer.


“L’indebolimento cognitivo medio” (Mci) colpisce il 16% degli over 70 ed e’ caratterizzata da leggeri problemi di perdita di memoria, difficolta’ ad articolare le parole e altri funzioni mentali. Il 50% di quanti sono affetti da Mci sono destinati a sviluppare l’Alzheimer entro 5 anni, una malattia, priva di cure, di cui soffrono circa 26 milioni di persone del mondo. I ricercatori britannici hanno somministrato a 168 volontari affetti da Mci una pillola con forti dosi di vitamina B6, B12 e acido folico, e ad altri un placebo. Queste vitamine sono note per controllare i livelli di un aminoacido, l’Omocisteina, che ad alti livelli e’ legato ad un forte rischio di sviluppare l’Alzheimer.
In realta’ piu’ che una semplice pillola di vitamina B il farmaco fornito alle ‘cavie’, il “TrioBe Plus”, contiene circa 300 volte la dose giornaliera raccomandata di vitamina B12, 4 volte quella di acido folico e 15 volte quella di B6. I risultati, pubblicati su Public Library of Science (PLoS) One, dimostrano che in media il cervello di quanti hanno seguito il trattamento ipervitaminico si e’ rimpicciolito dello 0,76% all’anno, contro l’1,08% di coloro cui e’ stato somministrato il placebo. (AGI) .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi