Trapianti di fegato: in Italia l…

La sopravvivenza dei trap…

Studio clinico osservazionale su…

Ricerca italiana: present…

Malattie parodontali nei soggett…

In Italia oltre 3 milioni…

Enzima ripara il cuore dopo i da…

La possibilità di interve…

Abano Terme: tre tumori asportat…

CHIRURGIA MININVASIVA AL …

L'insonnia ed il suo volto

L'insonnia ha un impa…

TAC: L'Ist. Tumori di Bari riduc…

L'Istituto Tumori di Bari…

Tumori: la combinazione di due f…

Una nuova combinazione …

Cellule staminali per riparare i…

Mentre si moltiplicano le…

Sindrome di Marfan: un 'paziente…

Si deve alla 'testardaggi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Spina bifida: riduce incidenza in nascituri grazie all’inositolo

La spina bifida, una malformazione neonatale che colpisce il sistema nervoso del nascituro durante la gestazione, potrebbe essere prevenuta dall’inositolo, una sostanza naturale. Lo affermano alcuni ricercatori dell’University College di Londra, che hanno iniziato un trial clinico per verificare sull’uomo i risultati di test effettuati sui topi. Uno dei rimedi piu’ comuni contro questa patologia e’ l’acido folico, che riesce a ridurre il rischio del 60 per cento, ma secondo gli esperti, che hanno parlato della loro ricerca alla Bbc, l’inositolo puo’ aiutare ad eliminare anche gli altri casi.

“L’inositolo e’ una molecola simile al glucosio – ha spiegato Nick Greene, che sta conducendo lo studio – che si trova nella carne, nella frutta e nella verdura. Non pensiamo che le donne abbiamo deficienze di questa molecola, ma dai lavori sulle cavie abbiamo notato che questo puo’ stimolare le cellule dell’embrione in formazione, e correggere i difetti che portano alla spina bifida”. Se i risultati saranno confermati, spiegano gli esperti, l’inositolo potrebbe essere aggiunto ai supplementi di acido folico per le donne in eta’ fertile che stanno pianificando di avere un figlio.
AGI – Salute

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi