Tumore dello stomaco: dalla dupl…

Una duplicazione accident…

Cancro al seno: tamoxifene riduc…

L'uso del farmaco preven…

Il dolore: l'area del cervello d…

[caption id="attachment_8…

Malattie della tiroide nei bambi…

I sintomi vengono attribu…

I meccanismi biochimici del codi…

[caption id="attachment_6…

I bambini iniziano a sbadigliare…

I bimbi sbadigliano già q…

Ipertermia per la cura dei tumor…

[caption id="attachment_6…

La grandezza del cervello nei ma…

Le regioni olfattive del …

EMA accetta la sottomissione di …

Tolvaptan è stato svilupp…

Chiralità delle molecole: un nuo…

Un gruppo di ricercator…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

CCSVI e angioplastica: pratica consolidata da 25 anni di esperienza

(ASCA) – Roma, 29 set – ”Il professor Sandy McDonald del Toronto South Medical Center Canada ha recentemente sottolineato come l’angioplastica, modalita’ di cura della Ccsvi, sia una procedura consolidata da venticinque anni e mini invasiva, con rischi inesistenti”. A dirlo a parlamentosalute.it e’ Augusto Zeppi, vice presidente della Fondazione Hilarescere, istituto che sostiene le ricerche del professor Paolo Zamboni per la cura dell’Insufficienza venosa cronica cerebro spinale (Ccsvi). Sulle sperimentazioni che si stanno eseguendo in Italia e nel mondo per Zeppi ”e’ comprensibile una certa cautela, ma che deve essere realistica”. Su legame ipotizzato da Zamboni tra Ccsvi e Sclerosi multipla, il vice presidente della Fondazione ricorda che ”lo studio Pilota (Open Label) e’ stato pubblicato soltanto dieci mesi fa sugli effetti a 18 mesi avuti sul campione considerato.


In esso si osservava come la CCSVI, autonoma patologia vascolare, – dice ancora Zeppi – risultava anche un fattore cosi’ indissolubilmente associato alla Sclerosi Multipla da proporne il trattamento anche sui pazienti affetti da questa patologia, per alleviarne i sintomi e migliorarne le aspettative”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi