Celiachia: si diffonde tra i bim…

La celiachia sembrerebbe …

Forme di cancro particolarmente …

La teoria dell'evoluzion…

Antiossidanti: per preservare ca…

Le funzioni muscolari pre…

Una proteina chiave nel ruolo di…

[caption id="attachment_6…

Isolato il gene della felicita'

Sarebbe un gene a determi…

Amigdala più estesa nei bambini …

I bambini ansiosi hanno c…

La strategia “farmaco-invasiva” …

Nuovi dati confermano la …

Malattie autoimmuni, un aiuto da…

Secondo un nuovo studio, …

Menopausa: con staminali possibi…

[caption id="attachment_9…

Parkinson: infiammazione di una …

Un’infiammazione che …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Iperplasia endometriale: allo studio potenziale spirale medicata

Un team di ricercatori dello IEO ha condotto un primo studio clinico per verificare se l’inserimento in utero per sei mesi di una spirale che rilascia un ormone progestinico, associata a un’iniezione mensile di un ormone che rilascia gonadotropina, può far regredire lo sviluppo del tumore nelle donne con meno di 40 anni che desiderano avere figli (l’ormone progestinico intrauterino inibisce la crescita dell’endometrio, mentre la gonadotropina blocca la produzione di estrogeno, l’ormone che favorisce lo sviluppo del tumore).

Per lo studio, durato dal 1996 al 2009, sono state selezionate 39 donne, di età compresa tra i 20 e i 40 anni, con iperplasia endometriale atipica – che prelude allo sviluppo del tumore – o con tumore iniziale e circoscritto all’endometrio. A ciascuna di loro è stata collocata nell’utero una spirale che dopo un anno, dato che la malattia non era progredita, è stata rimossa, permettendo alla donna di programmare una gravidanza. Una volta che le pazienti hanno portato a termine le gravidanze desiderate, sono state sottoposte a isterectomia per garantire l’assoluta protezione da eventuali recidive: nella maggioranza dei casi la riposta al trattamento è stata totale e immediata e solo in alcuni casi si è dovuto reintervenire. Tutte le donne trattate stanno bene e non hanno segni di malattia tumorale, e nove di loro hanno avuto un bambino con una gravidanza naturale.

Grazie a questi promettenti risultati i ricercatori pensano ora di avviare uno studio clinico multicentrico e internazionale: “Questi risultati hanno aperto un nuovo filone di ricerca – commenta Mario Sideri, Direttore dell’Unità di Ginecologia Preventiva allo IEO e tra gli autori dello studio – volto a verificare la possibilità di immettere farmaci direttamente negli organi malati. Nel caso dei tumori dell’utero, per esempio, potrebbe essere possibile utilizzare la spirale per somministrare farmaci direttamente nell’utero evitando alla paziente, anche in menopausa, l’isterectomia”. (ASCA)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi