CCSVI: studio italiano su cura Z…

Uno studio italiano p…

Cellule "Pac-Man" per divorare i…

Un gruppo di ricercatori…

Un idrogel attivato dalla luce i…

Un idrogel in grado di ri…

Paraplegici: la robotica in aiut…

Un sistema che unisce gli…

Il cervello dei malati psicogeni…

Le malattie psicogene, in…

Motoneuroni: ricerca svela la pr…

Una proteina conosciuta c…

Rapamicina: ecco come rallenta l…

Scienziati dell'Univers…

Scoperta l'azione riparatrice de…

[caption id="attachment_7…

ARRIVA ALLE MOLINETTE UN NUOVO L…

Struttura Complessa di Ur…

Dieta mediterranea: nella lunghe…

Per chi la segue maggiore…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ipertensione polmonare: dalla Lombardia il progetto ‘Virgilio’

Tre anni di tempo per trovare un percorso il piu’ accurato possibile per la diagnosi e la terapia dell’ipertensione arteriosa polmonare, una malattia rara che colpisce una persona ogni 100 mila, con una mortalita’ che oscilla tra il 15% e il 30%. E’ uno degli obiettivi del Progetto Virgilio, siglato tra la Regione Lombardia e l’azienda farmaceutica Pfizer.

Capofila dello studio, presentato nelle scorse settimane, e’ il Policlinico San Matteo di Pavia; la struttura, attraverso un gruppo di approfondimento tecnico istituito dalla Regione, sta coinvolgendo tutti gli ospedali e gli istituti di ricerca nei quali si e’ gia’ maturata un’esperienza contro l’ipertensione arteriosa polmonare. Gli esperti realizzeranno un documento operativo, stileranno un iter diagnostico-terapeutico il piu’ possibile ottimizzato, organizzeranno un ‘archivio di patologia’ e potenzieranno l’attivita’ di screening nelle popolazioni a rischio ‘per gettare le basi di un network di patologia: sara’ cosi’ possibile diffondere conoscenze e competenze in modo omogeneo sul territorio, consentendo ai medici e ai pazienti di orientarsi in maniera clinicamente piu’ appropriata e consapevole’. ‘Si tratta di una progetto importante – ha commentato l’assessore regionale alla sanita’, Luciano Bresciani – perche’ ha un approccio multidisciplinare e coinvolge in rete tutti gli attori del sistema, dai medici di medicina generale, agli specialisti, agli ospedali, alle strutture territoriali, e li fa lavorare in concerto. Un altro elemento positivo del progetto riguarda il fatto che il trattamento di questa malattia non viene legato solo alle cure ospedaliere ma va a coinvolgere anche il tema della cronicita’, che va monitorizzata costantemente e che va curata sul territorio. L’obiettivo finale resta sempre il miglioramento della qualita’ di vita del paziente’.

Sanitanews

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!