Alzheimer: scoperto un enzima co…

Identificato il ruolo-chi…

Il meccanismo molecolare che ann…

[caption id="attachment_5…

Cardiologia: un antinfiammatorio…

Un team di ricercatori …

Nessun generico per Normix®, uni…

Il Tribunale di Milano co…

[Cordis] Buone notizie per i gio…

Secondo una nuova ricerca…

Acidi grassi prevengono eventi g…

Gli acidi grassi essenzia…

Una risata fa buon sangue, ma ma…

Il riso fa buon sangue, m…

Leucemia: Boehringer Ingelheim,…

[caption id="attachment_2…

Laser e degenerazione maculare: …

[caption id="attachment_1…

Schär presenta “Gusto Senza Glut…

Schär - brand del Gruppo …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’ipotesi sull’origine genetica della sindrome da iperattivita’

Il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattivita (Adhd) potrebbe avere un’origine genetica. Lo ha dimostrato per la prima volta uno studio pubblicato dalla rivista The Lancet, secondo cui la patologia ha origine nel cervello, e non dipende dai genitori come qualche teoria sostiene. I ricercatori dell’Universita’ di Cardiff hanno analizzato il Dna di 39 bambini affetti dalla patologia, confrontandolo con quello di piu’ di mille persone sane. Il 15 per cento dei bambini malati ha mostrato ampie variazioni nei geni, riscontrate solo nel 7 per cento del gruppo di controllo.


“Abbiamo trovato che, confrontati con il gruppo di controllo, i bambini affetti dall’Adhd hanno un tasso molto piu’ alto di frammenti del genoma duplicati o mancanti – ha spiegato Anita Thapar, che ha coordinato la ricerca – questo e’ molto incoraggiante per noi, perche’ e’ la prima dimostrazione di un link genetico per questa patologia”.

I bambini affetti da Adhd sono iperattivi, possono avere tendenze distruttive e hanno problemi di apprendimento.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi