Nuovi farmaci per contrastare la…

[caption id="attachme…

Emofilia: FedEmo chiede la corre…

Proposta di correzione al…

Le bugie hanno il naso caldo

Ricercatori europei nel s…

GLI ESPERTI DELLA PELLE TORNANO …

Roma, 30 settembre 2014 –…

Nuova disciplina in tema di proc…

A  seguito della no…

Cellule staminali del sangue: da…

UNA RICERCA australiana p…

Individuata la struttura della p…

Determinata, con un risol…

Le zanzare vengono guidate dal l…

Venite punti piu' spesso …

TachoSil®, eccellenza dei farmac…

Numerosi studi clinici e …

Cellule staminali: nuova procedu…

Per garantire il successo…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’ipotesi sull’origine genetica della sindrome da iperattivita’

Il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattivita (Adhd) potrebbe avere un’origine genetica. Lo ha dimostrato per la prima volta uno studio pubblicato dalla rivista The Lancet, secondo cui la patologia ha origine nel cervello, e non dipende dai genitori come qualche teoria sostiene. I ricercatori dell’Universita’ di Cardiff hanno analizzato il Dna di 39 bambini affetti dalla patologia, confrontandolo con quello di piu’ di mille persone sane. Il 15 per cento dei bambini malati ha mostrato ampie variazioni nei geni, riscontrate solo nel 7 per cento del gruppo di controllo.


“Abbiamo trovato che, confrontati con il gruppo di controllo, i bambini affetti dall’Adhd hanno un tasso molto piu’ alto di frammenti del genoma duplicati o mancanti – ha spiegato Anita Thapar, che ha coordinato la ricerca – questo e’ molto incoraggiante per noi, perche’ e’ la prima dimostrazione di un link genetico per questa patologia”.

I bambini affetti da Adhd sono iperattivi, possono avere tendenze distruttive e hanno problemi di apprendimento.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi