Nel giorno delle professioni i f…

Roma, 1° marzo 2012 - Il …

Disturbi del sonno: potrebbe ess…

Studio della Harvard Medi…

Morte neuronale: il ruolo crucia…

La comprensione del ruolo…

La memoria e le capacità rievoca…

Il migliore fattore predi…

Tumori prostatici: nanoparticell…

Una nuova strategia che, …

Contro i virus non sempre è nece…

Una sperimentazione sui t…

Medicina rigenerativa: cellule e…

[caption id="attachment_8…

A Valenza una giornata di inform…

Mercoledì 13 aprile, a Va…

Farmaci innovativi sul territori…

Roma, 6 novembre 2014. “A…

Cancro: terapia col virus "Rigvi…

Stranamente, i malati di …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nella bile il segreto della longevita’

Nella bile il segreto della longevità. La capacità di mantenersi giovani e di vivere a lungo, potrebbe trovarsi proprio in un acido biliare. Almeno secondo i ricercatori dell’università Concordia di Montreal (Canada), che hanno pubblicato uno studio sulla rivista Aging dimostrando come l’acido litocolico sia in grado di prolungare la vita di un lievito. Un risultato che potrebbe avere interessanti ripercussioni anche sullo studio della longevità umana.

Secondo l’equipe coordinata da Vladimir Titorenko, infatti, il semplice organismo del lievito ha comunque similitudine con quello umano. Questo acido, pur funzionando da elisir di lunga vita, non può essere sintetizzato dal lievito. Gli studiosi ipotizzano che il lievito si sia evoluto in modo da riconoscere gli acidi billiari in quanto molecole mediamente tossiche e che abbia reagito al ‘contatto’ con dei cambiamenti indirizzati a combattere l’invecchiamento. “Non è inconcepibile – dice Titorenko – che il potenziale dell’acido litocolico possa essere applicabile anche all’uomo” .

I ricercatori dell’università canadese hanno esaminato 19.000 molecole con l’obiettivo di verificare la capacità di allungare la vita del lievito.

AdnKronos

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi