Luna piena: e il sonno va in til…

Arriva dalla Svizzera…

Tumori: l'OK della UE per la for…

La Commissione europea a…

Fibrosi cistica: scoperto un mar…

L'indice di clearance po…

Vivere di più simulando una diet…

Una molecola di sintesi s…

Teva Italia a fianco dello sport…

Al via la campagna social…

Inaspettata efficacia di un anti…

L'antidepressivo, noto c…

Telefonino: per maggiori precauz…

Meglio prevenire. Sembra …

Insonnia negli anziani: ingialli…

È tipico di chi è un po' …

Cellule staminali: contro la Scl…

Una nuova ricerca dimostr…

Nuova fibra: cura le ferite, ril…

L'invenzione che potrebbe…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cardiomiopatia: una variante genetica espone al rischio

Una variante genetica aumenta del 50% il rischio di sviluppare con l’eta’ una cardiomiopatia dilatativa (Dcm), grave problema cardiaco che colpisce 6 soggetti su 100mila. A trovarla e’ stata una ricerca internazionale pubblicata sulla rivista Plos Genetics. La Dcm e’ stata associata a una serie di mutazioni che colpisce le cellule muscolari, ma in molti casi la causa rimane sconosciuta.

Per identificare i fattori di rischio genetici nei casi dei pazienti che non hanno precedenti in famiglia i ricercatori tedeschi e francesi hanno analizzato il Dna di 5500 pazienti e di soggetti di controllo, scoprendo che una variante di un gene chiamato HSPB7 e’ fortemente associato alla suscettibilita’ alla Dcm. “Al momento non e’ disponibile un test genetico per questa variante – spiegano i ricercatori – ma questa ricerca e’ un primo passo verso misure di prevenzione per questa patologia”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi