Vista: australiani hanno dimostr…

Scienziati australiani ha…

Cervello: scoperta l'azione del …

Vicini alla comprensione …

Quando il tessuto adiposo raggiu…

[caption id="attachment_9…

Il gene TERC causa dell'invecchi…

[caption id="attachment_5…

Diabete di tipo 2: Janssen ha pr…

Beerse (Belgio), 14 Marzo…

Allergia arachidi nei bambini: e…

L'immunoterapia orale co…

Tigem: il gene TFEB ricava energ…

Nel corpo umano la pr…

Paraplegici: la robotica in aiut…

Un sistema che unisce gli…

Leucemia: innumerevoli mutazioni…

Centinaia di mutazioni si…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cardiomiopatia: una variante genetica espone al rischio

Una variante genetica aumenta del 50% il rischio di sviluppare con l’eta’ una cardiomiopatia dilatativa (Dcm), grave problema cardiaco che colpisce 6 soggetti su 100mila. A trovarla e’ stata una ricerca internazionale pubblicata sulla rivista Plos Genetics. La Dcm e’ stata associata a una serie di mutazioni che colpisce le cellule muscolari, ma in molti casi la causa rimane sconosciuta.

Per identificare i fattori di rischio genetici nei casi dei pazienti che non hanno precedenti in famiglia i ricercatori tedeschi e francesi hanno analizzato il Dna di 5500 pazienti e di soggetti di controllo, scoprendo che una variante di un gene chiamato HSPB7 e’ fortemente associato alla suscettibilita’ alla Dcm. “Al momento non e’ disponibile un test genetico per questa variante – spiegano i ricercatori – ma questa ricerca e’ un primo passo verso misure di prevenzione per questa patologia”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!