Scienziati individuano la sequen…

Un team internazionale di…

La proteina promoter dell'incont…

Il recettore delle cellul…

Identificato nei canidi il gene …

[caption id="attachment_5…

Virus H1N1: Ilaria Capua per il …

Partendo dalla fine: «In…

Papilloma virus: proteina-ponte …

È una proteina chiamata b…

Screening in piazza con prelievo…

Una malattia che nel mond…

l'area del cervello in cui vengo…

[caption id="attachme…

Enzima nei leucociti riesce a de…

[caption id="attachment_6…

Una soia GM ricca di Omega-3 aiu…

Un olio derivato dai semi…

Olodaterolo*, il broncodilatator…

Olodaterolo*, il broncodi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cardiomiopatia: una variante genetica espone al rischio

Una variante genetica aumenta del 50% il rischio di sviluppare con l’eta’ una cardiomiopatia dilatativa (Dcm), grave problema cardiaco che colpisce 6 soggetti su 100mila. A trovarla e’ stata una ricerca internazionale pubblicata sulla rivista Plos Genetics. La Dcm e’ stata associata a una serie di mutazioni che colpisce le cellule muscolari, ma in molti casi la causa rimane sconosciuta.

Per identificare i fattori di rischio genetici nei casi dei pazienti che non hanno precedenti in famiglia i ricercatori tedeschi e francesi hanno analizzato il Dna di 5500 pazienti e di soggetti di controllo, scoprendo che una variante di un gene chiamato HSPB7 e’ fortemente associato alla suscettibilita’ alla Dcm. “Al momento non e’ disponibile un test genetico per questa variante – spiegano i ricercatori – ma questa ricerca e’ un primo passo verso misure di prevenzione per questa patologia”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi