Identificato nei canidi il gene …

[caption id="attachment_5…

All'Istituto dei Tumori 'Accogli…

Inaugurato oggi insieme a…

Dal CNR il ClopHensor, il biosen…

[caption id="attachment_8…

Parkinson: stimolazione cerebral…

Grazie ad una consolidata…

Rigetto: scoperti i segnali chim…

Un team di ricercatori …

Cervello: funzionalita' comprome…

[caption id="attachment_5…

Sigarette elettroniche: meno dan…

Le sigarette elettronich…

Volasertib*: concessa dall’FDA …

Boehringer Ingelheim inte…

Perdita di coscienza e attività …

I risultati di uno studio…

Glioblastoma: le cellule stamina…

Nel tumore cerebrale …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cardiomiopatia: una variante genetica espone al rischio

Una variante genetica aumenta del 50% il rischio di sviluppare con l’eta’ una cardiomiopatia dilatativa (Dcm), grave problema cardiaco che colpisce 6 soggetti su 100mila. A trovarla e’ stata una ricerca internazionale pubblicata sulla rivista Plos Genetics. La Dcm e’ stata associata a una serie di mutazioni che colpisce le cellule muscolari, ma in molti casi la causa rimane sconosciuta.

Per identificare i fattori di rischio genetici nei casi dei pazienti che non hanno precedenti in famiglia i ricercatori tedeschi e francesi hanno analizzato il Dna di 5500 pazienti e di soggetti di controllo, scoprendo che una variante di un gene chiamato HSPB7 e’ fortemente associato alla suscettibilita’ alla Dcm. “Al momento non e’ disponibile un test genetico per questa variante – spiegano i ricercatori – ma questa ricerca e’ un primo passo verso misure di prevenzione per questa patologia”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi