Isolare i neuroni deputati alla …

Uno studio sui topi dimos…

Medicina rigenerativa: in cavie …

[caption id="attachment_6…

Eventi cardiaci: allo studio la …

I geni hanno un ruolo nel…

Microscopio multitouch: tra 'Min…

Un gruppo di ricercatori …

Studio svela come i globuli bian…

[caption id="attachme…

Arriva in Italia la molecola con…

[caption id="attachment_7…

Genetica e asma: riflessioni

[caption id="attachment_1…

Storie di uomini e batteri: l'in…

La composizione e la funz…

Emorroidi: una risposta High-Tec…

Presentato oggi a Napol…

AriSla: ricerca USA-Italia su ba…

Il lavoro, che apre la st…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Meningite: arriva primo vaccino tetravalente

Arriva il primo vaccino tetravalente contro la meningite, che protegge da quattro dei cinque sierogruppi del batterio, A, C, W135 e Y e che per ora verra’ utilizzato per vaccinare gli adolescenti dagli 11 anni.

A presentare oggi quello che e’ un risultato tutto italiano, che aveva gia’ ottenuto l’autorizzazione negli Usa e che ora sara’ disponibile anche nel nostro paese, e’ stato Rino Rappuoli, coordinatore del team Novartis che l’ha realizzato, insieme a medici pediatri e igienisti.

Il vaccino ha spiegato Rappuoli, dopo avere ottenuto il via libera dall’ente regolatorio statunitense e dall’Agenzia europea per i medicinali (Emea), arrivera’ quindi anche nelle Asl italiane dove si utilizza quello contro la meningite da meningococco C, uno solo dei cinque ceppi. E’ stato sviluppato usando la tecnologia della coniugazione, messa a punto in Italia, per la realizzazione del vaccino contro il meningococco C gia’ in uso.

Il nuovo vaccino, rispetto a quello attuale, copre anche altri sierogruppi e ha una protezione piu’ duratura. ”Per ora – ha aggiunto Rappuoli – lo abbiamo registrato per vaccinare gli adolescenti dagli 11 anni, ma entro qualche mese faremo la domanda all’Ema per la vaccinazione dei bambini dai 2 mesi”.

Rappuoli ci ha tenuto a sottolineare l’assoluta ”sicurezza” del vaccino, e che la prevenzione vaccinale ”rappresenta l’unico modo per sconfiggere la meningite che in Italia ha una mortalita’ del 14%”, provoca 900 casi l’anno, e ”contro cui le terapie non funzionano, portando alla morte o lasciando le persone con disabilita’ molto gravi”.(ANSA)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi