Calvizie: agire prima della "tab…

Se i capelli sono “in cad…

Parto indotto, per ridurre morta…

Il travaglio indotto puo'…

HIV: nuova ipotesi di terapia a …

[caption id="attachment_6…

Urologia: arriva in Italia il QP…

Si chiama ''Quick Prosta…

Anoressia: italiani spiegano per…

Meno materia grigia nell…

Pancreas: adenocarcinoma quarta …

L'adenocarcinoma del panc…

L'importanza delle fibre per la …

[caption id="attachment_…

Universita' D'Annunzio e Casa di…

La Casa di Cura Villa Pin…

Studio rivela le proprieta' anti…

[caption id="attachment_5…

Menopausa: tracciata la prima ma…

Rilasciata la prima 'Mapp…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nanoscienze: nasce il nuovo istituto del CNR

Roma, 1 ott – Un nuovo istituto tutto dedicato all”’ultrapiccolo”: L’Istituto nanoscienze, la nuova struttura del Consiglio Nazionale delle Ricerche dedicata alla ricerca di frontiera nel campo delle nanoscienze e delle nanotecnologie sara’ presentato lunedi’ 4 e martedi’ 5 ottobre in occasione del suo primo convegno a Matraia, in provincia di Lucca.

L’istituto riunisce tre centri di ricerca tra i piu’ affermati in Europa: il Nest (National enterprise for nanoscience and nanotechnology) di Pisa, l’Nnl (National nanotechnology laboratory) di Lecce e l’S3 di Modena. Tra gli obiettivi che la nuova struttura si prefigge di raggiungere, la progettazione di nanosistemi capaci di raccogliere energia dalla luce e dalle vibrazioni; la realizzare di nanosonde in grado di riconoscere e modificare i tessuti a livello molecolare; lo studio di strategie nanotecnologiche per lampadine e laser innovativi; comprendere le interazioni tra particelle in nanoscala per capire le funzionalita’ piu’ complesse della materia.


”La costituzione dell’Istituto nanoscienze ha il suo punto di forza nella convergenza di eccellenze consolidate e di livello internazionale – afferma la direttrice Lucia Sorba -. Puntiamo ora a promuovere nuove sinergie, potenziare al meglio competenze e risorse, offrire un punto di riferimento per la ricerca e l’innovazione tecnologica nel settore ‘nano’. Il nostro paese ne ha bisogno per poter competere su standard internazionali.

Nel corso del convegno si riuniranno piu’ di 120 ricercatori tra fisici, chimici, biologi, per presentare i risultati piu’ recenti e attivare nuovi progetti comuni”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi