Fibromialgia: affligge 290.000 l…

“Perché si diventa fibrom…

Meningite: due nuovi vaccini in …

Due nuovi vaccini possono…

Svelata la funzione biologica de…

[caption id="attachment…

Rivaroxaban in monosomministrazi…

Sessione Hot Line a ESC 2…

Ansia: scoperta una sostanza dir…

[caption id="attachment_6…

Robot indossabili, prossimo step…

Robot indossabili capaci …

Tumori: fotoimmunoterapia e anti…

La luce potrebbe aiutare …

L'anello mancante tra virus e ce…

[caption id="attachme…

Serono Symposia International Fo…

Serono Symposia Internati…

AIDS, le donne con HIV: parte il…

Si chiama ''SHE'' (Strong…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

SLA e Sclerosi Multipla: partono in Umbria test su cellule riparatrici

Partiranno da un piccolo laboratorio dell’Umbria con appena cinque addetti le cellule staminali che potrebbero portare in breve a nuove terapie per tutte le malattie degenerative. A ‘fabbricarle’ e’ il Laboratorio Cellule Staminali dell’ospedale della citta’ umbra, che ha appena ottenuto la certificazione dell’Aifa e in cui entro pochi mesi partiranno le sperimentazioni di fase 1 per i malati di Sla. “Il nostro laboratorio e’ unico in Europa, e nel mondo ce ne sono solo altri due simili – spiega Angelo Vescovi, che dirige la struttura – con la certificazione abbiamo fatto un passo importante che dovrebbe facilitare il via libera alla sperimentazione per cui abbiamo gia’ un protocollo definito. A breve poi faremo la richiesta per altri due test, sulla Sclerosi Multipla e sulla malattia di Tay Sachs”.

Il laboratorio e’ nato otto anni fa grazie all’impulso del ricercatore e del vescovo di Terni Vincenzo Paglia, e vive soprattutto grazie a fondi privati da diverse fondazioni, fra cui quella intitolata a calciatore Stefano Borgonovo. Le staminali cerebrali che vi si producono sono ottenute coltivando in laboratorio frammenti di tessuto neuronale di feti derivati da aborti spontanei, e verranno usate per cercare di ripristinare i tessuti persi a causa delle malattie degenerative. I test verranno condotti nell’ospedale di Terni, ma le staminali umbre potrebbero fare il giro del mondo: “Il 16 novembre presentero’ il laboratorio ad un congresso mondiale sulle neuroscienze – spiega Vescovi – l’intenzione e’ quella di metterci a disposizione dei ricercatori di tutto il mondo che hanno dei protocolli pronti ma non hanno cellule certificate, in modo da allargare il numero di sperimentazioni. Avere ottenuto la certificazione garantisce la sicurezza dei pazienti, che ora sono costretti a rivolgersi a laboratori di paesi ‘esotici’ che di sicuro non offrono nessuna garanzia”. Dopo varie vicende burocratiche, complicate dalla mancanza di fondi, il via libera ai test sull’uomo potrebbe essere molto vicino: “Entro due settimane dovrebbe arrivare il primo si’ dell’Istituto – ha confermato il presidente dell’Iss Enrico Garaci – poi ci saranno altre formalita’, ma entro sei-otto mesi si dovrebbe arrivare ai primi pazienti operati”. Un po’ di ossigeno al centro dovrebbe arrivare anche dai finanziamenti statali, annunciati dal ministro della Salute Ferruccio Fazio, nell’ambito di un’iniziativa che mira a fare dell’Umbria il centro di riferimento nazionale per la genomica e le staminali:”A breve firmeremo un protocollo con la Regione – ha spiegato il ministro – il ministero ci mette 3 milioni di euro, in aggiunta al milione e mezzo stanziato in precedenza, che saranno divisi fra il centro di Terni e il centro di genomica dell’universita’ di Perugia”. Fra i sostenitori piu’ entusiasti del centro c’e’ il vescovo di Terni, monsignor Vincenzo Paglia: “Cio’ di cui si parla oggi – ha affermato – e’ sperimentazione clinica, e cio’ dimostra che non e’ vero che privilegiare metodi ispirati alla tutela di ogni grado della vita umana ritardi la ricerca scientifica ne’ i suoi frutti”.(ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi