GE HEALTHCARE PRESENTA LE NUOVE …

La divisione medicale di …

Dai pipistrelli, oltre alla cont…

I pipistrelli possono for…

Ictus: quella passeggiata quotid…

Camminare puo' ridurre il…

Ratto robot con i baffi dà nuovo…

[caption id="attachment_1…

Il biosimilare in Italia è un’oc…

Roma, 25 giugno 2015 - “L…

Bilirubina: protegge da cancro e…

Il pigmento contenuto nel…

[AIRC] La leucemia nemica meno t…

[caption id="attachment_9…

Test italiano per predire Alzhei…

C4D, un semplice esame di…

Dolore, a Udine la campagna di f…

Dolore cronico in ortoped…

Proteina orexina, legata alla so…

La proteina orexina, che …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Allo studio una proteina blocca tumori distruggendo cellule anomale

Scienziati australiani e britannici hanno per la prima volta osservato il funzionamento di una proteina in grado di distruggere cellule cancerogene dall’interno: un’assoluta novita’ scientifica che potrebbe aprire nuove strade nella lotta contro i tumori, ma anche contro malaria e diabete. La descrizione della struttura molecolare di questa proteina, chiamata perforina, e del suo funzionamento sono state pubblicate nell’ultimo numero della rivista ‘Nature’. La proteina-killer prende di mira le cellule colpite da virus o trasformate in cellule cancerogene e permette l’ingresso di enzimi tossici che le uccidono dall’interno, ha spiegato il coordinatore del progetto, James Whisstock, dell’universita’ di Monash a Melbourne.

“La perforina e’ l’arma del nostro corpo che fa pulizia”, ha spiegato, “Senza di essa il nostro sistema immunitario non puo’ distruggere queste cellule. Adesso che sappiamo qual e’ il suo funzionamento, possiamo cominciare a vedere come si puo’ combattere il cancro, la malaria o il diabete”. La ricerca, che e’ durata dieci anni, conclude le osservazioni iniziate anni fa dal premio Nobel, Jules Bordet. L’osservazione e’ stata possibile grazie all’utilizzo combinato delle informazioni ottenute dal sincroton dell’universita’ australiana e dai potentissimi microscopi del Birbeck College di Londra. Gli scienziati hanno cosi’ potuto esaminare la struttura della perforina e il modo in cui funziona, rivelando una “molecola potente” che colpisce le cellule maligne e infettate. La scoperta ha implicazione anche per le malattie autoimmuni come il diabete giovanile di tipo 1 e per i pazienti trapiantati, perche’ tale proteina e’ collegata tanto all’eliminazione delle cellule sane che al rigetto del tessuto.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi