Spray 'ormonato' per addolcire i…

[caption id="attachment_7…

AIDS. pazienti plurinfettati off…

Le donne infettate con du…

Emergenza Ebola, la gestione dei…

i pediatri di sitip e sip…

Disturbo da deficit di attenzion…

Al III Convegno AIDAI pro…

Cellule cardiache progenitrici n…

La popolazione di cellule…

La predisposizione alle aritmie …

[caption id="attachme…

Lente acustica per 'bombardare' …

[caption id="attachment_6…

Cerotto 'molecolare' per bloccar…

[caption id="attachment_7…

Sclerosi multipla: il ruolo fond…

Uno studio italiano finan…

Cancro alla prostata: cani addes…

Scoprire il tumore facend…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Contro disfunzioni retina arriva un microchip, che converte luce in immagini

Un chip alimentato da un dispositivo esterno posizionato dietro l’orecchio che converte la luce che entra nell’occhio in impulsi elettrici che vengono immessi nel nervo ottico: impiantabile sotto la pelle, il dispositivo che promette di restituire la vista, anche se parzialmente, ai soggetti affetti da disfunzioni della retina e’ stato realizzato da un gruppo di ricercatori dell’Universita’ di Tuebingen (Germania) guidati da Eberhart Zrenner che hanno lavorato in collaborazione con gli studiosi dell’azienda Retina Implant AG. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Proceedings of the Royal Society B.

In tutto i ricercatori hanno esaminato gli esiti dello studio su 11 soggetti con diverse patologie alla retina: alcuni tra i volontari non notato alcun miglioramento poiche’ la degenerazione della retina era troppo avanzata per beneficiare dell’impianto.

La maggior parte dei soggetti, spiega Zrenner, e’ stata pero’ in grado di individuare oggetti luminosi, e i risultati migliori sono stati ottenuti quando il chip e’ stato posizionato dietro la retina, nella zona centrale della macula.(ASCA)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi