Dopo l'infarto: la mancata riabi…

[caption id="attachment_1…

Epatite C: l'allarme dei microbi…

E' necessaria una campa…

Merck Serono ottiene la certific…

Il CRF Institute ha …

Aprile mese della salute delle o…

Porte aperte in oltre 100…

Smettere di fumare ricorrendo al…

Dire addio alle sigarette…

Organi in provetta partendo da s…

Ricostruire organi interi…

Osservatorioinfluenza.it si rinn…

Una sezione dettagliata s…

Le salamandre ci suggeriranno un…

Specie che vive nei f…

Allergie: nuovo vaccino per le a…

[caption id="attachment_1…

Sedano e prezzemolo possono arre…

Una sostanza contenuta ne…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nella telomerasi il segreto della lunga vita

Il processo di invecchiamento può essere interrotto e invertito: è quanto è emerso da uno studio pubblicato su Nature da un gruppo di ricercatori del Dana-Farber Cancer Institute e dell’Harvard Medical School di Boston (Usa) guidati da Ronald DePinho che hanno scoperto che nei topi l’uso della telomerasi – l’enzima deputato alla ricostruzione dei telomeri, ovvero le sequenze di Dna che proteggono le estremità dei cromosomi – è in grado di invertire il processo degenerativo legato all’età. “Questo studio – spiega DePinho – fa pensare alla telomerasi come a un serio intervento anti-invecchiamento”.

Quando le cellule si dividono i telomeri tendono ad accorciarsi sempre di più fino a causare, quando diventano troppo corti, l’impossibilità di ulteriori divisioni e la morte cellulare. La telomerasi è in grado di proteggere la lunghezza dei telomeri mantenendo in vita più a lungo le singole cellule.

DePinho e colleghi hanno privato un gruppo di topi dell’enzima e li hanno fatti crescere invecchiando prematuramente. Hanno poi riattivato il funzionamento dell’enzima anti-età constatando, dopo un mese, “l’inversione drammatica degli effetti in questi animali – dice DePinho -, che descrive i risultati ottenuti come l’effetto ‘Ponce de Leon’, in riferimento all’esploratore spagnolo Juan Ponce de Leon, andato alla ricerca della mitica fontana della giovinezza: “I testicoli raggrinziti sono tornati alla normalità, facendo riacquistare ai topi la fertilità. Altri organi come milza, fegato e intestino, sono ringiovaniti”, si legge su Nature. L’impulso della telomerasi, spiega il ricercatore, ha anche invertito gli effetti dell’invecchiamento sul cervello.

Lo svantaggio è che, secondo alcuni studi, in alcuni casi una versione “mutata” di telomerasi può aiutare le cellule a replicarsi in maniera incontrollata, dando vita alla formazione di tessuti neoplastici, e aiutandoli a crescere più velocemente. Ulteriori studi sono necessari: “Il ringiovanimento dei telomeri – spiega David Harrison, del Jackson Laboratory in Bar Harbor, (Maine) – è potenzialmente molto pericoloso se non ci si assicura che non stimoli il cancro”. (ASCA)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!