Trichinosi: sequenziato il genom…

Il genoma del nematode pa…

Infezioni ossee: scoperto come c…

[caption id="attachme…

MIT mette a punto un cerotto che…

Niente più lacrime quando…

Vaccino quadrivalente anti-HPV: …

Alti tassi di copertura v…

Olaparib: nuovo farmaco anti-can…

[caption id="attachment_1…

Virus ricombinato: uno scienziat…

[caption id="attachment_6…

Sudore: una fibra tessile studia…

I ricercatori dell'Imem-C…

Il 'bilinguismo' dei neuroni dop…

I neuroni dopaminergici u…

Dalla Ginecologia dell’Ospedale …

Unità Operativa Complessa…

Nuovi studi sull'attivita' dell'…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nella telomerasi il segreto della lunga vita

Il processo di invecchiamento può essere interrotto e invertito: è quanto è emerso da uno studio pubblicato su Nature da un gruppo di ricercatori del Dana-Farber Cancer Institute e dell’Harvard Medical School di Boston (Usa) guidati da Ronald DePinho che hanno scoperto che nei topi l’uso della telomerasi – l’enzima deputato alla ricostruzione dei telomeri, ovvero le sequenze di Dna che proteggono le estremità dei cromosomi – è in grado di invertire il processo degenerativo legato all’età. “Questo studio – spiega DePinho – fa pensare alla telomerasi come a un serio intervento anti-invecchiamento”.

Quando le cellule si dividono i telomeri tendono ad accorciarsi sempre di più fino a causare, quando diventano troppo corti, l’impossibilità di ulteriori divisioni e la morte cellulare. La telomerasi è in grado di proteggere la lunghezza dei telomeri mantenendo in vita più a lungo le singole cellule.

DePinho e colleghi hanno privato un gruppo di topi dell’enzima e li hanno fatti crescere invecchiando prematuramente. Hanno poi riattivato il funzionamento dell’enzima anti-età constatando, dopo un mese, “l’inversione drammatica degli effetti in questi animali – dice DePinho -, che descrive i risultati ottenuti come l’effetto ‘Ponce de Leon’, in riferimento all’esploratore spagnolo Juan Ponce de Leon, andato alla ricerca della mitica fontana della giovinezza: “I testicoli raggrinziti sono tornati alla normalità, facendo riacquistare ai topi la fertilità. Altri organi come milza, fegato e intestino, sono ringiovaniti”, si legge su Nature. L’impulso della telomerasi, spiega il ricercatore, ha anche invertito gli effetti dell’invecchiamento sul cervello.

Lo svantaggio è che, secondo alcuni studi, in alcuni casi una versione “mutata” di telomerasi può aiutare le cellule a replicarsi in maniera incontrollata, dando vita alla formazione di tessuti neoplastici, e aiutandoli a crescere più velocemente. Ulteriori studi sono necessari: “Il ringiovanimento dei telomeri – spiega David Harrison, del Jackson Laboratory in Bar Harbor, (Maine) – è potenzialmente molto pericoloso se non ci si assicura che non stimoli il cancro”. (ASCA)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi