Una molecola chiave per l'orolog…

[caption id="attachme…

Perché il corpo femminile ha un …

Il feto e la placenta so…

Emofilia: il tipo "A", è possibi…

Il trapianto di midollo …

Colesterolo e infertilità: una m…

Una mutazione del gene ch…

L'occhio bionico e' sempre meno …

[caption id="attachment_6…

Carenza di sonno: peggior nemico…

Secondo lo studio Usa non…

Donne e tumori: sempre più casi …

Circa 87.000 nuove diagno…

Riprodotto 'in vitro' tessuto ep…

L'escamotage principale è…

La prima stirpe di primati trans…

[caption id="attachment_8…

Il #Parkinson 'in vitro'

Riprodotte in laboratorio…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Batteri sintetici: nessun pericolo per salute e ambiente

I batteri sintetici non sono pericolosi per la salute o l’ambiente. A gettare acqua sul fuoco delle visioni apocalittiche di chi pensa che questi batteri potrebbero essere usati per il bioterrorismo, o che potrebbero sfuggire di mano agli stessi creatori ci ha pensato la commissione bioetica Usa, che ha pubblicato un rapporto in cui si afferma che gli studi in questo campo non vanno limitati, ma solo regolati. La commissione, riferisce il New York Times, e’ stata chiamata a decidere su questo argomento dal presidente Obama subito dopo l’annuncio fatto dallo scienziato Craig Venter di aver prodotto in laboratorio il primo batterio sintetico lo scorso maggio.

Le conclusioni comprendono 18 raccomandazioni da seguire, che vanno dalla necessita’ di pubblicare su riviste scientifiche tutti i risultati a quella dell’istituzione di una commissione governativa per il monitoraggio del fenomeno. ”Questa e’ un’area significativa nella scienza, ma non ci sono motivi di preoccupazione per quello che puo’ accadere nel prossimo futuro – ha spiegato Amy Guttmann, che presiede il comitato – quello che proponiamo e’ un sistema molto stretto di monitoraggio che individui eventuali problemi e pericoli per la salute che potrebbero emergere durante questi studi”. Contro le conclusioni del rapporto si sono espresse piu’ di 50 organizzazioni ambientaliste, che avevano indirizzato una lettera al presidente Obama per chiedere una moratoria sugli esperimenti. Parere positivo e’ stato espresso invece al quotidiano dallo stesso Venter, secondo cui ”ora la ricerca in questo campo puo’ fiorire” .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi