Ultrasuoni per "bombardare" i tu…

Si chiama FUS (Focused Ul…

Contraccezione ormonale, informa…

La Regione rimane fanalin…

Staminali: nuovo sistema per pro…

Un team di ricercatori di…

Depressione: killer subdolo dell…

La depressione e' un kill…

Amniocentesi: ricorrere agli ant…

Antibiotici 'salva bebè' …

FIMP - Dermatite atopica in età …

La FIMP: “C’è bisogno di …

Cancro al pancreas: specifici ba…

I pazienti con cancro al …

Il botox contro l'incontinenza u…

L’utilizzo della tossina …

Cancro al rene: tre nuovi biomar…

Tre biomarker per una d…

Emicrania: l'effetto del gelato …

Scoperto perche' mangiare…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore al seno: uno stadio infiammatorio che precede formazione neoplastica

È il processo infiammatorio all’interno del seno a favorire la crescita del cancro alla mammella: a dimostrarlo uno studio pubblicato su Cancer Research dai ricercatori del Kimmel Cancer Center di Jefferson che, dopo 12 anni, hanno finalmente dimostrato una teoria a lungo sospettata: l’infiammazione del seno è fondamentale per lo sviluppo e la progressione della neoplasia alla mammella. I ricercatori hanno dimostrato, inoltre, che l’inattivazione selettiva di questa infiammazione riduce l’attività delle cellule staminali tumorali, inibendo la crescita del tumore.

“Questa scoperta ha implicazioni cliniche – spiega Michael Lisanti, co-autore dello studio -. L’eliminazione del processo infiammatorio in tutto il corpo ha effetti collaterali. Questo studio fornisce lo spunto per una terapia anti-infiammatoria più selettiva diretta specificamente al seno”.

Il team ha messo in evidenza il percorso “canonico” dell’infiammazione: il primo “insulto” è fornito dall’oncogene HER2, che poi attiva il fattore infiammatorio NFkB che a sua volta accende l’infiammazione che promuove la produzione di fattori di crescita tumorale. (ASCA)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi