Calcoli alla colecisti, un probl…

Presso l’Azienda Ospeda…

Superbatterio in GB: è allarme c…

Il pericolo corre sul bu…

Distrofia Muscolare: riunione a …

I massimi esperti sulla …

Il legame tra osteoporosi e insu…

L’assottigliarsi delle os…

Osservatorioinfluenza.it si rinn…

Una sezione dettagliata s…

Ancora il latte materno, e testi…

Una donna, dopo aver rice…

Studio evidenzia legame tra prot…

Una ricerca innovativa da…

Smentita la "bufala" del batteri…

Anche Halomonas GFAJ-1, i…

Aggiornamento dei foglietti illu…

Roma, 7 maggio 2014 - “E’…

Sale: 9 italiani su 10 esagerano…

Un cucchiaino da te' in m…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sindrome di Rett: fragranze ricercate per sperimentazione metodi cura

Le fragranze piu’ ricercate e i profumi delle star internazionali, realizzati dal chimico-farmacista Paolo Vranjes, sono stati utilizzati per una sperimentazione di comunicazione sensoriale sulle bambine con sindrome di Rett. L’esperimento fa parte di uno studio, il primo in Italia, realizzato al Policlinico universitario delle Scotte di Siena da Neuropsichiatria Infantile diretta da Youssef Hayek, insieme al neonatologo Claudio De Felice. I due professionisti stanno conducendo un’indagine esplorativa sulla comunicazione sensoriale nell’autismo e nella sindrome di Rett, malattia che colpisce quasi esclusivamente le bambine, con grave compromissione dell’acquisizione del linguaggio e delle funzioni motorie. “Abbiamo messo a confronto individui sani e altri con sindrome di Rett”, ha spiegato De Felice, “il risultato ci ha lasciati molto sorpresi perche’ la sensorialita’ olfattiva dei due gruppi e’ risultata spesso opposta: quello che piace alle bimbe sane non piace alle piccole con sindrome di Rett e viceversa”.

Ai due gruppi sono state proposte cinque diverse fragranze preparate appositamente: essenza marina tenue, essenza muschiata acre, fragranza fruttata dolce, essenza selvatica e essenza speziata e agrumata. “Le bimbe sane hanno dato un voto da 1 a 10”, ha aggiunto De Felice, “mentre le pazienti Rett hanno reagito con rilassamento o repulsione, ma nessuna e’ risultata indifferente agli stimoli. Vogliamo estendere l’esperimento anche a pazienti con autismo perche’ e’ molto importante capire come si relazionino con gli stimoli esterni”. L’obiettivo, ha sottolineato Hayek, “e’ individuare metodi di comunicazione alternativa per poter consentire alle bambine di potersi esprimere attraverso i sensi, con canali differenti da quelli classici”. All’esperimento ha partecipato anche Enrica Marchigiani, esperta di psicologia comportamentale.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi