Innovazione in campo nutrizional…

Il test genetico e l’inte…

Diabete: quali sono i legami con…

Ci sarebbe un legame tra …

Arriva il contraccettivo dei cin…

[caption id="attachment_8…

Il meccanismo che decide la fine…

I ricercatori del Sanford…

Carenza di ferro e anemia: nel m…

Diete sbagliate e disturb…

Il colore dei capelli 'estratto'…

E' possibile grazie all'i…

Il Consiglio di Stato conferma c…

Roma, 11 marzo 2013 - “Fa…

Cervello: la precarietà della ma…

L'instabilita' della …

Quando il dentista è in vacanza …

Dal dottor Marco Turc…

Scoprire e trattare l’intolleran…

Milano, 16 dicembre 2013 …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tavola a festa, ma anti-cancro

Sulla tavola di Natale via libera ai dolci, purché anticancro. Le ricette per coniugare gola e salute arrivano dall’Istituto nazionale tumori di Milano, che nell’ambito del progetto ‘Diana’ per la prevenzione oncologica a tavola ha organizzato un corso di pasticceria natalizia al quale hanno partecipato 20 signore. Insieme a loro anche un paio di mariti.

Nella cucina del Campus Cascina Rosa – teatro della scuola di gastronomia antitumorale, lanciata dall’Int per insegnare alle donne come evitare il cancro del seno anche a tavola – profumo di buccellati, biscottini alle mandorle, strudel di frutta secca e torroncini. Tutti reinterpretati in chiave salutistica. Il segreto? Banditi uova, latte, burro e zucchero che rischiano di trasformarsi in ‘benzina’ per i tumori. Al loro posto olio d’oliva, frutta fresca e secca, latte di riso. Ecco la proposta più semplice degli chef anticancro: “Impastare la farina di mandorle con un pizzico di sale e con la polpa di mela cotta. Farne delle palline da cuocere al forno per 10 minuti”.

I corsi di Cascina Rosa – ricorda in una nota l’Irccs di via Venezian – affrontano vari argomenti: come comporre un pasto in maniera corretta, come integrare proteine animali e vegetali, come evitare gli errori nutrizionali più comuni. Per poi passare alle ricette vere e proprie per zuppe e minestre, piatti con cereali integrali e legumi. Gli esperti insegnano inoltre a fare la spesa e offrono approfondimenti ‘monografici’ su vari alimenti: pesce, marmellate, pane.

Se è vero che alcuni tumori sono ereditari – sottolinea l’Istituto nazionale tumori di Milano – nella maggior parte dei casi sono causati da fattori ambientali come il fumo, una dieta sbagliata, l’inquinamento, il contatto con particolari sostanze chimiche. In tutti i casi è l’organismo di ognuno che stabilisce il destino delle cellule tumorali, se dovranno crescere o morire.

Proprio come una pianta, precisano gli oncologi, un tumore progredirà soltanto se troverà nel ‘terreno’ del nostro organismo sostanze che lo nutrino (i fattori di crescita); se sarà in grado di indurre la formazione di vasi sanguigni che possano alimentarlo e ossigenarlo, e se le naturali difese immunitarie saranno tanto deboli da fallire. Studi scientifici hanno dimostrato per esempio che donne con livelli alti nel sangue di ormoni sessuali, di insulina e di Igf-I (fattore di crescita insulino-simile di tipo 1) si ammalano di più e se si sono già ammalate hanno più frequentemente ricadute della malattia, perché l’abbondanza di questi fattori consente a eventuali cellule tumorali di moltiplicarsi.

Ma siccome la composizione del nostro sangue, del nostro ambiente interno, può essere modificata dal cibo e dallo stile di vita, avvertono gli specialisti, cambiare abitudini può contribuire a ridurre il rischio di ammalarci. E se ci siamo già ammalati, convertirsi a una vita sana può aiutare le terapie ad avere successo. Conclusioni condivise dal Fondo mondiale per la ricerca sul cancro (Wcrf), la cui missione è promuovere la prevenzione primaria dei tumori attraverso la ricerca e la divulgazione della conoscenza sulle loro cause. Il Wcrf ha revisionato tutti gli studi scientifici sul rapporto fra alimentazione e tumori. Vi hanno contribuito oltre 150 ricercatori, epidemiologi e biologi, di circa 50 centri di ricerca fra i più prestigiosi del mondo. L’Int ha gestito la sezione sui tumori della mammella, dell’ovaio e della cervice uterina.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!